[Recensione] 1979 Revolution: Black Friday (Switch eShop)

I videogiochi possono essere molte cose. Possono intrattenere e distrarre dallo stress della vita moderna, ma possono anche informare. Prima di interpretare la Rivoluzione del 1979: il Black Friday, devo ammettere che la rivoluzione iraniana degli anni settanta era un po ‘lacuna nelle mie conoscenze. Sebbene non dipinga il quadro completo, fa il lavoro che era destinato a fare: illuminare un periodo buio nella storia del paese.

Suoni come Rezan, un fotografo che torna dalla Germania in patria. L’Iran è pieno di disordini civili, molti dei suoi abitanti sono insoddisfatti della dittatura che li sta trattenendo. Arrivi in ​​mezzo alle cose e vieni rapidamente coinvolto nell’opposizione alla regola dello Scià.

Rivoluzione del 1979: il Black Friday si è formato come una sequenza di flashback con Rezan attualmente sotto interrogatorio e che trasmette la sua storia al suo tormentatore. Chiunque abbia mai giocato a un gioco Telltale saprà cosa aspettarsi dal 1979 in quanto il loro risultato è stato chiaramente d’ispirazione per le storie di iNK. Favorendo la narrazione sul gameplay, la scintilla più brillante del 1979 è la sua narrativa, che presenta colpi di scena e svolte in abbondanza ma anche, soprattutto, completa sincerità.

Le linee sono sfocate nel corso del 1979 Rivoluzione: il Black Friday, anche se evita di concederti una totale libertà con il modo in cui le cose non vengono salvate. Sinceramente, le tue scelte non hanno il peso o la gravità di qualcosa come The Walking Dead; il dado è già stato lanciato per molti dei suoi cast. Mentre il 1979, privo di un tocco personale, potrebbe deludere alcuni, la trama è abbastanza avvincente da tenerti investito.

Aiuta a far sì che la voce sia trasmessa con passione; non c’è una performance nel 1979 che sembra fuori luogo. È chiaramente un lavoro d’amore per iNK Stories, evidenziato dalle fotografie reali disseminate nel suo mondo, così come i video di casa che sono completamente guardabili nel gioco. Il 1979 è un utile spunto per una cultura che a molti potrebbe non essere familiare, aiutato da un codice denso che il giocatore può sfogliare per saperne di più sull’Iran e sulla sua lotta.

Il peso del tuo tempo trascorso nel 1979 sarà dedicato all’esplorazione di alcuni ambienti restrittivi e alla realizzazione di fotografie, oltre ad impegnarsi in conversazioni. Come accennato, questi non vanno particolarmente bene – avendo suonato alcune sezioni una o due volte, risposte diverse non sempre hanno reazioni diverse, alcuni intervistati cancellano completamente ciò che hai detto e passano alle loro battute successive.

Ciò dà al 1979 la sensazione di una Telltale-lite, che non è necessariamente una brutta cosa. I rivelatori hanno dimostrato di essere i maestri della loro nicchia ma con poca concorrenza per mettersi alla prova. A questo proposito, la Rivoluzione del 1979: il Black Friday dovrebbe essere considerato come un piccolo passo per un seguito più espansivo di iNK Stories, uno che promuove la libertà di scelta (e tutta la colpa che ne deriva) su un percorso lineare con piccole deviazioni.

La natura diretta della narrativa del gioco probabilmente ha molto a che fare con il raggiungimento del suo obiettivo finale: il Black Friday stesso. Lo scopo di iNK Stories sembra essere quello di non permettere al giocatore di distorcere la realtà del giorno oscuro, ma di viverlo piuttosto attraverso, per capire le vite perse. Dal 1979 c’è una tensione palpabile, una che incombe su tutte le relazioni che coltivate come un’ombra scura.

Sebbene la sua scrittura acuta e il suo cuore possano rendere facile innamorarsi della rivoluzione del 1979: il Black Friday, ci sono alcune carenze che possono portarti fuori dall’esperienza. Pur vantando un’estetica attenuata e per lo più accattivante, i modelli dei personaggi sembrano sempre indossare la pelle di qualcun altro. Sono stranamente robotici e in disaccordo con ciò che è nel complesso la presentazione lucida del gioco.

Anche l’introduzione di eventi a breve termine sembra insolita, presumibilmente bloccata dagli sviluppatori preoccupati che il gioco non sarebbe abbastanza interattivo senza di loro. È una scelta strana, se è così: c’è più che sufficiente profondità ed emozione per il 1979 per garantire che si tratti solo di un’esperienza narrativa diretta. Essere invitati a tirare pezzi di vetro da un bicchiere semplicemente tenendo il bastone sinistro si sente come interattività nell’interesse dell’interattività.

C’è anche il fatto che la narrativa del 1979 sembra incompleta, la sua storia finisce bruscamente mentre accenna a un seguito che deve ancora arrivare. Sono passati due anni da quando è atterrato su PC e con iNK Stories che ora passa ad altri progetti e nessun segno di un nuovo episodio o sequel in vista, dovresti essere consapevole che stai ottenendo solo un pezzo del possibile puzzle con questo porting per Nintendo Switch, che sta arrivando anche su Xbox One e PS4.

Nonostante i notevoli inconvenienti, il 1979 Revolution: Black Friday è un gioco che dovrebbe essere giocato. Indipendentemente dalla politica al suo interno, il 1979 è la storia del potere delle persone, il cambiamento che può essere seminato quando ci alziamo e cerchiamo di fare un cambiamento. Mentre potrebbe mancare la finezza o la convinzione delle sue ispirazioni più ovvie, Rivoluzione del 1979: il solido nucleo del Black Friday ei momenti forti valgono la pena di essere vissuti.

I videogiochi possono essere molte cose. Possono intrattenere e distrarre dallo stress della vita moderna, ma possono anche informare. Prima di interpretare la Rivoluzione del 1979: il Black Friday, devo ammettere che la rivoluzione iraniana degli anni settanta era un po 'lacuna nelle mie conoscenze. Sebbene non dipinga il quadro completo, fa il lavoro che era destinato a fare: illuminare un periodo buio nella storia del paese. Suoni come Rezan, un fotografo che torna dalla Germania in patria. L'Iran è pieno di disordini civili, molti dei suoi abitanti sono insoddisfatti della dittatura che li sta trattenendo. Arrivi in ​​mezzo alle…
VOTO FINALE - 7.2

7.2

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi