[Recensione] A Juggler’s Tale

Proprio in questi giorni il PlayStation Store ha accolto un nuovo titolo ad enigmi che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. A Juggler’s Tale è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia del gioiellino firmato Sony, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che come ben sapete piace alla nostra redazione. A Juggler’s Tale è sicuramente un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità fin dal suo primo annuncio, e dopo aver aspettato pazientemente per qualche mese è finalmente arrivato il momento di provarlo in versione PlayStation 4, evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di A Juggler’s Tale, titolo di kaleidoscube (sviluppatore) e Mixtvision (publisher) che cerca di portare un pò di novità all’interno di un genere ormai più volte riproposto.

A Juggler’s Tale è un platform puzzle fantasy caratterizzato da un platform leggero che pone l’accento sugli enigmi che ruotano attorno ad Abby, una marionetta, che cerca la libertà in un mondo duro ma bellissimo. Uno dei punti forti di questo titolo è la scrittura. La storia è raccontata attraverso la narrazione di un burattinaio, di nome Jack, che ripercorre tutto ciò che stiamo facendo. Abby, il personaggio principale non ha una voce, ma la narrazione fa un ottimo lavoro nello spiegare come si sente, e si adatta contestualmente alle diverse azioni eseguite da noi. Sebbene il gioco abbia un tono stravagante, per la maggior parte, ci sono alcuni momenti cupi e sicuramente ci vogliono alcune svolte narrative interessanti. Se hai familiarità con le fiabe classiche, questo è qualcosa di più vicino a quello nel tono, dove di solito le cose non sono così allegre come sembrano.

Non voglio spoilerare nulla di ciò che accade, ma il gioco fa un ottimo lavoro nell’immergerti in questo mondo devastato dalla guerra e nella durezza della sua gente. Questo non vuol dire che non ci siano personaggi allegri, perché ci sono, e il gioco riesce sicuramente a bilanciare questi momenti. Il gioco è ancora una storia di speranza e riesce a mantenere quel tema centrale per tutto il tempo. È un po’ breve, ma racconta una storia completa, in cui sono stato coinvolto per tutto il tempo. Neanche si prolunga oltre il suo benvenuto, specialmente quando ti rendi conto di cosa sta succedendo.

Ciò che rende A Juggler’s Tale così fantastico è che i suoi concetti semplici ti permettono di goderti ogni elemento. C’è un perfetto equilibrio tra difficoltà, esplorazione, enigmi e interazioni tra i personaggi. Ti avventurerai in molti luoghi mentre sali le scale, spingi scatole, evita le tue catture e scava nuovi percorsi. Durante ogni interazione, devi assicurarti che i fili del tuo burattino rimangano districati e che rami, pali e superfici sporgenti si dimostrino fastidiosi.

A Juggler’s Tale non è un gioco difficile e presenta alcuni platform leggeri, mescolati con enigmi creativi. Simile a giochi come Limbo, ti vengono presentati ostacoli che devi superare interagendo con l’ambiente. Dal momento che hai delle corde attaccate al tuo corpo, la maggior parte degli enigmi ruota intorno a te mentre navighi tra questi ostacoli mentre le tue corde si bloccano. Questi enigmi non sono così difficili e il narratore ti guiderà se sei bloccato. Tuttavia, alcune delle sezioni successive aumentano sicuramente la difficoltà.

Risolvere ogni problema diventa sempre più difficile, soprattutto quando sei inseguito da Tonda, un barbaro assetato di sangue che è stato pagato per riportarti al circo. Mentre intensifica i suoi sforzi, il mondo circostante si trasforma in un ambiente umido e devastato dalla guerra, pieno di cittadini affamati e morenti. Abby non sa più se vuole essere libera, ma non può tornare alla vita che conosceva una volta.

I controlli sono per la maggior parte reattivi, ma a volte sembrano un po’ rozzi. All’inizio, il mio personaggio continuava a cadere nel fiume, mentre il gioco ripristinava la mia posizione. Allo stesso modo, a volte l’effetto desiderato delle tue azioni non si traduce in quello che ti aspettavi. Niente di tutto questo è stato davvero dannoso per l’esperienza, ma un po’ più di rifinitura avrebbe potuto fare molto.

Il gioco sembra fantastico e sembra uscito da un libro di fiabe. È uno stile deliberato e le opere d’arte ritagliate mescolate a colori contrastanti creano ambienti meravigliosi. Tutto sembra coerente con il mondo e gli ambienti sono dettagliati e vari abbastanza da tenerti impegnato. C’è un grande sforzo per gli sfondi. Vedrai diversi personaggi e animali che svolgono la loro giornata. Alcuni di questi interagiranno dinamicamente con te e sono consapevoli della tua presenza. Il gioco non si tira indietro nemmeno quando cerca di sembrare spaventoso, e ci sono alcune sezioni piuttosto cupe.

La colonna sonora abbinata alla narrazione gioca un ruolo importante nel portare in vita questo mondo. Anche se nessuna delle tracce si è distinta davvero, è stata comunque abbastanza buona. Il classico stile medievale è stato supportato dalla colonna sonora folk. Questa musica vivace ha portato energia e divertimento a una trama altrimenti triste e disperata. I cambiamenti di tono e ritmo riflettevano il dramma sullo schermo, e questo ha impedito alla storia di avere dei punti deboli.

A Juggler’s Tale, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con un gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante, nonostante per natura non sia adatto a tutte le tipologie di giocatori (quelli poco avvezzi al genere per esempio). Per quanto riguarda PlayStation 5 (lo abbiamo giocato in retrocompatibilità) non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula assolutamente appagante si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia del gioiellino firmato Sony. Se amate i titoli dove l’avanzamento richiede impegno e dedizione vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Proprio in questi giorni il PlayStation Store ha accolto un nuovo titolo ad enigmi che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. A Juggler's Tale è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia del gioiellino firmato Sony, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che come ben sapete piace alla nostra redazione. A Juggler's Tale è sicuramente un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità fin dal suo primo annuncio, e dopo aver aspettato pazientemente per qualche…
Guida la marionetta Abby per un travagliato mondo fiabesco, in questa avventura cinematografica. Risolvi enigmi, evita trappole e semina malvagi inseguitori. Riuscirà Abby a riprendere il controllo del suo destino e della sua libertà?

A Juggler's Tale

VOTO FINALE - 8.2

8.2

Guida la marionetta Abby per un travagliato mondo fiabesco, in questa avventura cinematografica. Risolvi enigmi, evita trappole e semina malvagi inseguitori. Riuscirà Abby a riprendere il controllo del suo destino e della sua libertà?