[Recensione] Door Kickers Action Squad

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo strategico che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Door Kickers Action Squad è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di brevissima durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Door Kickers: Action Squad è infatti uno spin-off dell’originale Door Kickers, un gioco di strategia tattica in cui hai controllato un’unità SWAT che è stato ben accolto nel 2014, approdato un anno fa su Steam e che ha ben pensato di fare una capatina anche sull’ibrida Nintendo per smorzare l’attesa di quanti stanno aspettando il sequel diretto attualmente in lavorazione. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto in questo strategico bidimensionale in salsa poliziesca firmato PixelShard e KillHouse Games.

Contrariamente al gioco originale della serie, Action Squad è uno scroller laterale d’azione 2D, in cui giochi come uno dei numerosi agenti SWAT incaricati di pulire i criminali di Nowhere City. Anche se il gioco può essere affrontato completamente in solitudine, giocarlo con un amico o un completo sconosciuto (grazie all’apprezzato supporto al multiplayer online) rende il gioco molto più divertente. Detto questo, il gioco supporta non solo la cooperazione online ma anche locale, il che sicuramente piacerà a molte persone.

Door Kickers Action Squad nel complesso è un gioco è piuttosto lineare, grazie alla struttura delle sue missioni che richiedono di affrontare livelli basati sempre su contesti diversi e non collegati tra loro. Nonostante questo c’è un’ottima varietà sia nelle situazioni che nelle ambientazioni, che permette di mantenere tutto sempre stimolante anche dopo diverse ore di gioco. La campagna principale, che comprende 5 diverse zone per un totale di 12 missioni ciascuna, può essere completata per un tempo che si assesta attorno alle 10 ore, ovviamente in base alle capacità del giocatore (mi ritengo un giocatore nella media quindi direi che tendenzialmente la mia stima è abbastanza generalizzabile). Se doveste incaponirvi in qualche livello, tuttavia, la longevità potrebbe tranquillamente schizzare alle stelle visto che le missioni (comunque molto brevi, di una durata tipicamente inferiore ai 10 minuti) non prevedono alcun checkpoint e dunque ad ogni fallimento dovremo ricominciare il livello da capo. Oltre alla modalità classica ne sono presenti altre due, come la Torre Infinita e la Modalità Invasione Zombi, quest’ultima che permette di riaffrontare l’intera campagna combattendo contro zombi ed obbligandoci contestualmente a richiudere i portali dai quali questi invadono i livelli, aggiungendo per ovvie motivi un livello di sfida aggiuntivo.

Come detto in precedenza, ogni singolo livello offre degli spunti unici rispetto ai precedenti, senza risultare dunque mai troppo ripetitivo. Certo le condizioni di vittoria e di conseguenza le azioni da compiere sono le medesime, ovvero ripulire gli schemi dai nemici e salvare tutti gli ostaggi presenti, ma la struttura sempre diversa dei palazzi, dei nemici e non sapere sempre con certezza cosa ci aspetterà dietro l’ennesima porta da abbattere a suon di calci riesce senza alcun ombra di dubbio a compensare l’altrimenti ripetitività di fondo che si sarebbe potuta venire a creare. Questo è sicuramente uno dei migliori pregi di Door Kickers Action Squad, e si arricchisce di valore nel momento in cui scoprirete che i personaggi giocabili sono in tutto 5 e che ciascuno di essi gode di statistiche indipendenti che potremo livellare a nostro piacimento. Ogni personaggio ha inoltre un ruolo diverso e si adatta a uno stile di gioco specifico, o anche in alcuni casi a un determinato tipo di missione, anche se a conti fatti coloro che non cercano una profondità esagerata potrebbero tranquillamente portare a termine l’intero gioco con solo uno di questi.

Tornando velocemente sul fattore “ricchezza di contenuti”, abbiamo piacevolmente constatato che le oltre 40 armi ed equipaggiamenti presenti nel gioco, così come i più di 20 tipi di nemici da fronteggiare di volta in volta, non sono un semplice pretesto per nascondere un sistema di gioco che altrimenti sarebbe potuto essere leggermente ripetitivo. Alcune armi non solo sono piacevoli da utilizzare ma permettono anche di liberarsi più facilmente dei nemici, credo sia inutile ribadire come farete di tutto per raccoglierle tutte. Per fare ciò dovrete impegnarvi più del semplice svolgimento delle missioni, cercando di completare i 4 obiettivi proposti per ottenere l’ambita valutazione di 3 stelle (tutt’altro che poco impegnativa quando si arriva negli stage avanzati) da usare successivamente come valuta per sbloccare nuove armi e equipaggiamenti, condivisibili tra personaggi diversi.

Per quanto riguarda puramente il sistema di controllo, questo si è rivelato molto semplice e piacevole sia utilizzano un pro controller sia attraverso i piccoli JoyCon. Nonostante inizialmente ci è sembrata essere una decisione limitante, il fatto di non doversi preoccupare di prendere la mira ma semplicemente di sparare (solo orizzontalmente) si è rivelata la mossa vincente per rendere il sistema di controllo accessibile a chiunque. Il fatto di dover affrontare i nemici che ti corrono in contro, e nello stesso tempo evitare di ferire i poveri ostaggi, viene semplificato notevolmente da questo approccio.

Purtroppo non è possibile dire lo stesso per l’intelligenza artificiale nemica (di fatto questi ci si piombano addosso al minimo rumore) e soprattutto per quella degli ostaggi, che in più di un’occasione sono finiti vittima dei miei colpi involontari, privandomi pure di un punteggio a tre stelle per la missione in corso. Inutile dirvi, se mi conoscete quale il completista che sono, che questo mi ha obbligato a ricominciare tutto da capo!

Se fino ad ora non si è ancora capito, provo a ribadirlo per l’ultima volta: Door Kickers: Action Squad è molto più di un semplice gioco d’azione. L’approccio tattico è indispensabile per portare a termine le missioni, molto più di quanto potrebbe sembrare se decideste di documentarvi sul gioco semplicemente attraverso uno dei tanti video di gameplay reperibili su Youtube. Piccole cose come essere in grado di ripararsi dietro agli oggetti, l’utilizzo di granate fumogene, del flash, le numerose armi alternative, le cariche esplosive e gli oggetti di supporto che puoi evocare durante le missioni (come armature o vite extra) aggiungono molto ad ogni livello . Tuttavia, mi sarebbe piaciuto vedere più tipi di nemici e diversi obiettivi di missione. Visto comunque l’ottimo risultato raccolto in questo spin-off direi di spostare le aspettative tutte nel sequel in arrivo!

Door Kickers: Action Squad prende forma in un bellissimo stile pixel art, pieno di piccoli dettagli che lo rendono molto più piacevole alla vista rispetto ad altri giochi che tendono a optare per la pixel art solo per il gusto di farlo, o solo per il gusto di definendo il loro gioco “retrò”. In Action Squad, cose come lievi schizzi di pioggia e sangue, ruggine negli oggetti metallici e l’umidità nei vecchi edifici occupati dai nemici sono tutte cose che restituiscono un piacevole feedback di qualità. Adoro questo tipo di dettagli, in quanto dimostra che è stata posta molta attenzione nel gioco, anche se alla fine non influisce sul gameplay.

Anche la colonna sonora è a dir poco sorprendente. Emana questa sensazione anni ’90 che si adattano estremamente bene con le atmosfere del gioco. Sul fronte tecnico nulla da segnalare, se non come su Nintendo Switch il gioco risulti praticamente nel suo habitat naturale, in tutte le modalità previste dal gioiellino ibrido made in Nintendo. Giocare a Door Kickers: Action Squad in mobilità è poi quanto di più piacevole si possa fare, grazie alle sue veloci missioni che si adattano perfettamente con uno stile di gioco mordi e fuggi. Se cercate qualcosa di stuzzicante per ingannare il tempo vi garantiamo che qui troverete pane per i vostri denti, ovviamente se vi piace il genere.

Door Kickers Action Squad, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante, con una gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e divertente. Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula leggera ma assolutamente appagabile si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli dove il tatticismo riveste un ruolo chiave per l’esperienza vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo strategico che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Door Kickers Action Squad è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di brevissima durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di "nuovo" forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Door Kickers: Action Squad è infatti uno spin-off dell'originale Door…
Door Kickers: Action Squad è un folle gioco d’azione a scorrimento laterale che ti mette nei panni di una truppa della SWAT e ti manda a trattare con i cattivi ragazzi nella città americana Nowhere City.

Door Kickers Action Squad

VOTO FINALE - 8.2

8.2

Door Kickers: Action Squad è un folle gioco d’azione a scorrimento laterale che ti mette nei panni di una truppa della SWAT e ti manda a trattare con i cattivi ragazzi nella città americana Nowhere City.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi