[Recensione] Hyper Light Drifter – Edizione speciale (Switch eShop)

Nel 2013, uno sviluppatore di nome Alex Preston ha iniziato a sviluppare un titolo di vecchia scuola nel filone di The Legend of Zelda: A Link to the Past e Diablo, con uno stile post-apocalittico che ricorda il classico anime del 1984 Nausicaä of the Valley del vento. Preston ha visto questo progetto come qualcosa di più di un semplice hobby; nato con una cardiopatia congenita e afflitto da una vita di sfide mediche, Preston mirava a creare un personaggio di fronte a una malattia terminale.

Preston ha cercato finanziamenti da Kickstarter, che è riuscito ben oltre le aspettative: è stato in grado di raccogliere oltre $ 600.000 (il suo obiettivo iniziale era $ 27.000). Una delle sue promesse nel superare il suo budget iniziale era di portare il gioco su più piattaforme. Nel 2016, quelle piattaforme includevano PC, PlayStation 4 e Xbox One. E ora, includono Nintendo Switch.

Hyper Light Drifter – Special Edition, disponibile oggi attraverso l’eShop, costa €19,99 al momento di questa recensione. L’edizione speciale include contenuti attualmente esclusivi per Switch, tra cui una nuova modalità sfida e alcuni nuovi pezzi di equipaggiamento. Il gioco è un RPG d’azione in stile retrò con grafica vecchia scuola che intende imitare elementi di stile a 8-bit e 16-bit in esecuzione su hardware più potente (il gioco, infatti, vanta 60 fotogrammi al secondo). Sia la musica che la grafica urlano negli anni ’80, con brani synth che ricordano vagamente gli altri omaggi degli anni ’80.


Appropriato per un gioco creato da un team di sviluppo chiamato Heart Machine, uno non deve guardare lontano per vedere il cuore in questo gioco. Questa non è solo una lettera d’amore per i giochi della vecchia scuola: è un vero tentativo di scrivere un nuovo capitolo nella storia di quel gioco. Sì, ci sono elementi di altri giochi qui, ma non sembra derivato. Al contrario, si tratta di una nuova versione dei giochi di ruolo che si distingue da molti dei giochi precedenti. Dal montaggio allettante dell’apertura, è chiaro che questo gioco sta andando in un posto molto diverso.

È anche un gioco con una tonnellata di sfide. Per uno, Hyper Light Drifter usa solo un minimo di parole per passare attraverso il tutorial di apertura minima del gioco, e quasi nessuno in seguito. Il dialogo è trasmesso attraverso fotogrammi fissi, così come gli obiettivi della ricerca. I negozi nel mondo centrale del gioco vendono articoli identificati solo da immagini che mostrano cosa fanno gli aggiornamenti, senza didascalie o spiegazioni.

Ciò può portare ad una certa confusione. C’è ovviamente una grande trama qui, ma anche nelle ripetute visioni del cinema d’apertura non è facile analizzare insieme esattamente quale sia questa trama. Allo stesso modo, le storie di quelle persone che i giocatori incontrano possono essere difficili da comprendere appieno, così come gli obiettivi del giocatore. Anche il nome del protagonista non è esplicitamente chiaro; secondo le fonti online, è Drifter. Un po ‘di Google può aiutare a capire cosa sta succedendo e come giocare, ma ciò deve accadere al di sopra e al di là di ciò che il gioco stesso fornisce.

Il gioco ha due livelli di difficoltà: una versione più “perdonante” per principianti che consente di sbloccare alcuni obiettivi e un’impostazione di difficoltà normale “prevista” che consente di sbloccare tutti i risultati. Non commettere errori: entrambi i livelli di difficoltà sono difficili, specialmente all’inizio. La normale difficoltà rasenta il brutale, specialmente quando si combattono grandi gruppi di nemici. La difficoltà del nuovo arrivato è ovviamente meno difficile, specialmente dopo un po ‘di tempo, ma anche in quella modalità il gioco in anticipo è suscettibile di uccidere un nuovo giocatore più di alcune volte.

Una delle principali ragioni della difficoltà è il design principale del gioco. Gli attacchi del personaggio principale hanno tutti delle considerazioni temporali che possono esporre il giocatore ad attaccare o addirittura abbattere, mentre colpire un nemico non necessariamente ferma o stordisce il nemico. Un giocatore, per esempio, può essere colpito a metà dello swing, e i tentativi di guarire possono essere interrotti e persino annullati in combattimento. Ciò significa che la tempistica e il posizionamento puntuali sono fondamentali e, in caso contrario, spesso si verifica un rapido decesso.

Un’altra considerazione è il caricamento delle armi. I giocatori iniziano con l’accesso a un’arma da mischia ea un’arma a distanza a carica limitata. Gli attacchi in mischia potenziano l’arma a distanza, mentre sparano, ovviamente, si esauriscono. Questo è un ottimo sistema, ma presenta anche molte sfide. Immagina di essere circondato da uno sciame di nemici in movimento, che sparano, cercando di dare un’occhiata alla barra delle munizioni per vedere se è vuota, mentre corri mentre decidi se passare o sparare (o rischiare una cura). Sta succedendo molto e non è difficile confonderlo.

Un’altra sfida è che il gioco non è strettamente lineare. Ci sono molti modi in cui un giocatore può andare dal mondo del mozzo, con ognuno di loro con vari livelli di difficoltà. Determinare quando eseguire il back-down e provare un’area diversa è una questione di tentativi ed errori.

Ciò detto, ci sono alcune piccole cose che aiutano a mitigare la difficoltà almeno un po ‘. Uno è un robusto sistema di salvataggio automatico che di solito salva le cose entro un minuto o due dalla morte. Ciò significa che, mentre un giocatore può morire (e morire spesso), uno di solito si respawn non troppo lontano.

Due, il gioco ha un sistema di aggiornamento che rende il gioco un po ‘più semplice. I giocatori avranno la possibilità di acquisire nuovi attacchi e aumentare le abilità esistenti, il che aiuterà collettivamente a rendere il Drifter un combattente più temibile, ma ancora uno che può essere abbattuto.

Tre, il gioco consente la co-op di divano a due giocatori. Come alcune altre cose nel gioco, come abilitare questo non è del tutto chiaro, ma essenzialmente implica avere due Joy-Cont attivi, abilitare la co-op dal menu, e fare in modo che il giocatore due colpisca il + / – sulla loro rispettiva Joy- con. Il gioco inoltre non ti dice questo, ma abilitare un secondo giocatore prende una barra di salute dal giocatore principale, e se il giocatore principale muore, è tempo di respawn, indipendentemente dalla situazione del secondo giocatore. La modalità cooperativa, in virtù della suddivisione dei Joy-Cont, richiede anche alcuni cambiamenti nei controlli che si usano un po ‘prima di usare entrambi i Joy-Cont (il gioco, almeno, ha un controllo decente spiegazione nel menu) ma una volta che gli ostacoli sono stati superati, avere un secondo giocatore diventa molto utile, specialmente quando si combattono orde di nemici.

Una nota finale: Hyper Light Drifter, più del normale gioco, pratica davvero dei premi. Nel corso del tempo, molte delle difficoltà del titolo diventano, se non più facili, almeno un po ‘più gestibili. E le piccole vittorie possono essere davvero soddisfacenti, sia che si tratti di schivare dentro e fuori un ammasso di nemici o di rovesciare uno dei grandi boss del gioco con solo una barra di sicurezza rimasta.

Quindi, cosa fare di questo gioco in generale? Sarà una questione di gusti. Se sei il tipo di giocatore che ama i giochi della vecchia scuola, lo stile post-apocalittico e il gameplay che sfida davvero i tuoi riflessi, Hyper Light Drifter – Special Edition è assolutamente il gioco per te. Se, d’altra parte, preferisci che i tuoi giochi di ruolo siano un po ‘più lenti e costanti, questo potrebbe stimolare un po’ più di rabbia del controller di quanto desideri, indipendentemente dalle belle trappole del gioco. Anche allora, però, è difficile non apprezzare ciò che lo sviluppatore ha fatto qui, e per questo, questo è sicuramente un gioco che vale la pena dare un’occhiata.

Nel 2013, uno sviluppatore di nome Alex Preston ha iniziato a sviluppare un titolo di vecchia scuola nel filone di The Legend of Zelda: A Link to the Past e Diablo, con uno stile post-apocalittico che ricorda il classico anime del 1984 Nausicaä of the Valley del vento. Preston ha visto questo progetto come qualcosa di più di un semplice hobby; nato con una cardiopatia congenita e afflitto da una vita di sfide mediche, Preston mirava a creare un personaggio di fronte a una malattia terminale. Preston ha cercato finanziamenti da Kickstarter, che è riuscito ben oltre le aspettative: è…
VOTO FINALE - 8.5

8.5

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi