[Recensione] Leisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry

Essendo un grande appassionato di Leisure Suit Larry, ero scettico riguardo a un gruppo di giovani sviluppatori tedeschi (CrazyBunch) che si prendevano la responsabilità di riesumare un franchising così importante senza il coinvolgimento di Al Lowe, l’elemento cardine dello sviluppo dei precedenti capitoli della saga. Dopotutto, la maggior parte della nuova squadra non era nemmeno nata quando è stato rilasciato il primo gioco Larry! Altro mio stupore è il fatto di poter giocare a questo titolo su Nintendo Switch, console prodotta da un’azienda che è molto attenta ai contenuti che vengono pubblicati nel suo store, specialmente quando i temi trattati sono palesemente “per adulti”.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Le mie paure sono presto state messe a tacere quando la prima cosa che ho dovuto fare nel gioco è stato di dimostrare che ero abbastanza grande per giocare. Questo mi ha portato subito indietro nel tempo, al terzo episodio, nel quale ritroviamo lo stesso stile di verifica dell’età – solo che questa volta è basato su eventi attuali (ovviamente). Sebbene sia possibile aggirare il quiz, è comunque una trovata molto divertente ed in grado di rassicurare chi come me era un pò scettico. Le domande e le risposte sono molto divertenti e probabilmente richiederanno alcune ricerche su Google per essere superate. Questo inizio promettente mi ha lasciato ansioso di vedere quanto il resto del gioco sarebbe stato fedele allo spirito della serie classica di Sierra. E con mio grande sollievo, non è solo un degno successore, ma un’avventura punta e clicca divertente e sorprendentemente ben riuscita.

Il gameplay inizia in una buia camera sotterranea con un calendario che mostra l’anno 1987. Pensi che Larry si svegli dopo un concerto di una notte, ma dopo qualche esplorazione ti rendi conto di trovarti in una strana stanza. Con un po ‘di interazione tra oggetti si ottiene un indizio che ti porta al livello della strada di fronte a Lefty’s Bar. Le cose sembrano stranamente diverse, e mentre ti fai strada verso il bar e parli con Lefty, che ti riconosce dai “vecchi tempi”, ti rendi conto che in qualche modo sei stato trasportato fino al 2018.

Questa premessa costituisce la base del gioco, poiché Larry ha bisogno di riconciliare la sua sensibilità anni ’80 con la cultura e la tecnologia del 2018. Gli sviluppatori hanno fatto un ottimo lavoro con la trama di questo nuovo gioco, ed al suo interno sarà possibile ritrovarvi sia elementi nuovi che elementi ancorati al passato. Ad esempio, non mancheranno le situazioni in cui alcune scene ci verranno mostrate attraverso una piacevolissima pixel art… ma per questo è bene che scopriate da voi cosa ha da riservarvi questo Leisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry.

Dopo una serie di vicende che ci vedono passare prima per un bagno, dove troveremo uno strano dispositivo, e successivamente su un mezzo di trasporto alquanto stravagante – che utilizzeremo più e più volte nel corso dell’avventura per esplorare la città di New Lost Wages– per poi ritrovarci a Prune Inc. Questa azienda si presenta da sè, attraverso un enorme palazzo di forma fallica con tanto di fontana sul tetto! Al suo interno faremo conoscenza della bellissima Faith Less, assistente del capo della corporazione BJ Prune, e donna della quale ci innamoreremo follemente e faremo di tutto per conquistarla.

Questo obiettivo rappresenta la maggior parte del gioco e ti porterà a tutti i tipi di ostacoli e incontri interessanti. Ci sono molte posizioni da visitare e compiti da svolgere per conquistare le ragazze e completare gli obiettivi principali. Ma le cose possono diventare un pò più complicate di quanto ci si aspetti. Ci sono molti enigmi da risolvere, quasi tutti basati sull’inventario. E ci sono molti oggetti da collezionare. Molti hanno un tono erotico, in vero stile Larry, e includono connotazioni sessuali (gli immancabili preservativi XL per esempio), che aggiungono umorismo e nostalgia ai giocatori della serie originale.

Alcuni oggetti necessari sono molto piccoli e ben nascosti, quindi è necessario scansionare attentamente ogni scena per essere sicuri di non perdere nulla, anche se un evidenziatore hotspot può entrare in aiuto del giocatore all’occasione. Inoltre, nuovi articoli appaiono nei luoghi visitati in precedenza dopo aver completato determinati compiti, quindi è necessario un bel pò di backtracking. Gli oggetti possono essere combinati facilmente semplicemente trascinandone uno su un altro, ma il fatto che questi aumenteranno a dismisura nel corso dell’avventura ci impedisce di risolvere gli enigmi a suon di trial and error – il che a mio parere è un bene. Dopotutto è sufficiente prestare particolare attenzione alle descrizioni degli articoli per capire come usarli. Gli indizi ci sono, bisogna solo interpretarli correttamente per proseguire.

Come da tradizione, anche in Leisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry ci sono molte parodie sulla tecnologia attuale: userai Timber come app per appuntamenti, Instacrap per catturare le tue esperienze e PrunePal per pagare i tuoi acquisti. Inutile dire che Larry è sconcertato da queste app e ha delle interazioni molto divertenti con loro. In particolare, Instacrap viene utilizzato per registrare i tuoi incontri romantici e altri eventi. Ci sono 20 slot che vengono sbloccati mentre progredisci e vengono presentati come una serie di GIF. Questi sono molto divertenti e sono molto diversi dai precedenti giochi di Larry che usavano cut scene tradizionali – comunque ancora presenti.

Graficamente il gioco utilizza sfondi colorati disegnati a mano ad alta risoluzione che sono pieni di dettagli con oggetti stilizzati e animazioni. Il tutto gira perfettamente su Nintendo Switch e rende il gioco specialmente in mobilità l’ambiente perfetto per questa avventura. Anche il design dei personaggi ricalca molto sullo stesso stile, ed è in grado di far sentire a proprio agio coloro che hanno già giocato a qualche titolo del passato.

E’ bene specificare anche che, nonostante vi siano allusioni sessuali praticamente ovunque, in Leisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry non ci saranno mai scene di nudo (se non alcune caricaturali con le bambole gonfiabili) ed è per questo che dopotutto giocarci su una console Nintendo non c’è nulla di male.

Il doppiaggio è di ottima fattura ed ancora una volta troviamo Jan Rabson dietro la voce di Larry, con la stessa capacità di un tempo. Sebbene le musiche originali non siano qui presenti (molto probabilmente per motivi di copyright), quelle realizzate ad hoc risultano ben fatte ed azzeccate. Ogni luogo che visiti ha anche una musica di sottofondo in loop appropriata, mai banale. Stesso discorso vale per gli effetti, presenti in gran quantità.

Leisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry dura tra 15-20 ore di gioco a causa delle numerose conversazioni, enigmi e backtracking necessari per risolverli. Se si presta particolare attenzione ai compiti a portata di mano è possibile ridurre la longevità complessiva, ma sinceramente vi consiglio di godervi il tutto con molta calma. Sebbene l’esperienza sia abbastanza lineare, è possibile lavorare su alcuni obiettivi contemporaneamente per risparmiare tempo. In realtà, ci sono tanti obiettivi che devono essere completati, un sistema per tenerne traccia sarebbe stato il benvenuto, soprattutto perché non c’è nemmeno un sistema di suggerimenti.Aggiungere una lista di cose da fare come una nuova app nello schermo PiPhone sarebbe stato molto semplice, peccato che non sia stato integrato.

In ogni caso Wet Dreams Don’t Dry è un’eccellente aggiunta per la serie Leisure Suit Larry. I fan dei giochi originali non rimarranno delusi, e i nuovi arrivati ​​troveranno una solida base di partenza per recuperare tutta la splendida serie.

Essendo un grande appassionato di Leisure Suit Larry, ero scettico riguardo a un gruppo di giovani sviluppatori tedeschi (CrazyBunch) che si prendevano la responsabilità di riesumare un franchising così importante senza il coinvolgimento di Al Lowe, l'elemento cardine dello sviluppo dei precedenti capitoli della saga. Dopotutto, la maggior parte della nuova squadra non era nemmeno nata quando è stato rilasciato il primo gioco Larry! Altro mio stupore è il fatto di poter giocare a questo titolo su Nintendo Switch, console prodotta da un'azienda che è molto attenta ai contenuti che vengono pubblicati nel suo store, specialmente quando i temi trattati sono…
VOTO FINALE - 8.5

8.5

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi