[Recensione] Mana Spark (Switch eShop)

Mana Spark, dello sviluppatore BEHUMUTT, ha finalmente fatto il suo ingresso nel Nintendo Switch da quando è un titolo che si è evoluto su PC per alcuni anni. Insieme al suo stile artistico basato su pixel, combina il combattimento Souls-like con elementi rogue-like per essere davvero unici, ma anche non in carne e ossa come Dark Souls o Salt And Sanctuary.

La storia ruota attorno a un mondo in cui essere umani significa essere al fondo della catena alimentare. I mostri che possono maneggiare l’energia, conosciuti come Mana, danno la caccia e riducono in schiavitù quelli più deboli di loro. Mentre i mostri saccheggiano le città, gli umani vengono messi al lavoro o uccisi a titolo definitivo. Alla fine, avendo abbastanza cose come le cose, un gruppo di umani ha deciso di colpire di nuovo i loro tormentatori ed è qui che il tuo eroe entra in gioco, per costruire un fiorente insediamento e abbattere i mostri che dilagano sulle terre.

Per definizione, Mana Spark è un gioco di ruolo da esploratore sotterraneo simile a una canaglia con una mappa generata proceduralmente che rende ogni gioco unico. È dotato di un sistema di aggiornamento Binding of Isaac o Dead Cells in cui ottieni un oggetto a caso ogni quantità di piani che alimenta il tuo personaggio in modi specifici. In una corsa, hai il compito di rintracciare i mostri nel loro nascondiglio e combattere attraverso le orde di nemici diversi, ognuno con i propri schemi di attacco, uscita di danno e abilità speciali che ti tengono in punta di piedi.

C’è un singolo personaggio giocabile all’inizio, così come due sbloccabili che ottieni attraverso la progressione naturale. Cominci con Ellis che è un cacciatore e infligge danni medi e combatte a distanza con un arco. Poi c’è Jessica che è una guardia di balestra e deve stare in piedi mentre spara, ma può sparare ad una velocità molto più alta. Infine, c’è Wyatt il guerriero che rinuncia alla mentalità sicura e cauta del combattimento a distanza e invece si avvicina e usa una spada.

Un buon sforzo di resistenza è buono quanto il suo sostegno, e questi tre eroi hanno un intero campo di individui che possono essere assunti per prestare i loro talenti alla tua causa. Le rune sono la valuta del regno e sono ansiosi di mettere le mani su quante ne puoi portare dai tuoi viaggi. Ogni personaggio ha uno scopo diverso con uno che ti consente di forgiare equipaggiamenti più potenti e un altro che ti permette di ricercare nuovi oggetti da portare sul campo.

All’inizio, abituarsi a come ogni nemico combatte, e quanto velocemente si può morire da qualsiasi mostro, può essere un’esperienza frustrante. Fortunatamente, c’è una forte attrazione per tornare subito indietro e conquistare non appena si trovano di fronte a nuove opposizioni. Mana Spark è molto difficile, e la tua salute di solito diminuisce molto rapidamente, il che ricorda le Dark Souls di cui sopra.

La mappa è sempre disposta nell’angolo in alto a destra, così puoi tracciare i tuoi progressi mentre vai e il tuo obiettivo in ogni piano è trovare la scala indicata da barre rosse. L’uscita è bloccata fino a quando non si individua l’interruttore o gli interruttori necessari per lo sblocco, che impedisce di attaccarlo semplicemente verso la fine e di sfuggire a uno stato precario se la propria salute è bassa.

Alcune camere offrono un po ‘più di varietà al mix con stanze mini-boss che offrono una sfida facoltativa per affrontare un nemico più avanzato in cambio di un nuovo oggetto e di un bottino. Ci sono anche stanze che ti permettono di legare un oggetto in modo permanente al tuo personaggio per portare la tua salute a uno e affrontare contro tre ondate di nemici casuali. Dopo una certa quantità di piani, ti imbatterai in quella che è nota come una “stanza particolare” che ti consente una breve pausa dal tuo viaggio mentre passi il tuo oro su oggetti, nuove attrezzature e persino recuperi.

Ogni nemico, come affermato in precedenza, ha i propri metodi di attacco, e dovrai sperare di memorizzarti e adattarti a ciascuno in congiunzione con gli altri se speri di sopravvivere. Alcuni nemici lavorano anche insieme, con goblin che possono cavalcare lupi o scheletri guerrieri che proteggono orchi o negromanti vicini. Dopo essere andati abbastanza in profondità, incontrerai un boss che è ovviamente più impegnativo. Dopo essere stato sconfitto, avrai accesso alla prossima area.

Graficamente, Mana Spark usa sprite fortemente pixelati e ha uno stile artistico sorprendentemente dettagliato per tutti i personaggi, anche con una fedeltà grafica limitata. Le animazioni sono fluide, gli effetti dell’acqua si increspano e si riflettono come dovrebbero, e le luci tremolano nel buio. Gli effetti sonori non si sentono fuori luogo con alcuni suoni soddisfacenti, e la colonna sonora complimenta con l’estetica che sta andando.

Dopo aver inevitabilmente chiuso il divario tra il tuo set di abilità e la difficoltà, sfortunatamente troverai molte ripetizioni. Ci sono solo 19 tipi di nemici in Mana Spark e sebbene ogni gioco sia generato proceduralmente, immagino che alla fine della tua avventura scoprirai di aver giocato più volte nelle stesse posizioni. Gli oggetti sono anche poco profondi e non si confrontano in originalità con altri simili a rogue. Ogni personaggio essenzialmente raggruppa dallo stesso gruppo di oggetti, escludendo quelli unici per le abilità di ogni personaggio. Inoltre, con solo tre aree in cui giocare e tre boss principali, questo rende ogni run sfortunatamente troppo prevedibile.

C’è una modalità sfida che puoi sbloccare dopo aver sconfitto Mana Spark, che ti spoglia di qualsiasi componente aggiuntivo che il tuo personaggio ha oltre alle sue abilità di base e ti blocca da ogni progressione. Purtroppo, questo è l’unico contenuto post-gioco e non è abbastanza per farti venire voglia di tornare. Il valore di replay, al di fuori del continuare a sfidare te stesso, è scarso ed è un peccato considerando che le meccaniche e le premesse di base del gameplay sono tutte solide.

Nel complesso, Mana Spark è un divertente dungeon-crawler che graffia il prurito per sbloccare nuovi oggetti e attrezzature con un solido sistema di combattimento. I nemici reagiscono in modo appropriato e ha una qualità avvincente che mi ha fatto desiderare di continuare fino alla fine. Sfortunatamente, il contenuto saggio non è sufficiente per aiutare con la rigiocabilità e ho ritenuto che molto di più avrebbe potuto essere aggiunto per un’esperienza più completa. Perfino con la progressione lineare degli eventi, Mana Spark è raccomandato per coloro che amano i titoli simil-Souls retro-infusi.

Mana Spark, dello sviluppatore BEHUMUTT, ha finalmente fatto il suo ingresso nel Nintendo Switch da quando è un titolo che si è evoluto su PC per alcuni anni. Insieme al suo stile artistico basato su pixel, combina il combattimento Souls-like con elementi rogue-like per essere davvero unici, ma anche non in carne e ossa come Dark Souls o Salt And Sanctuary. La storia ruota attorno a un mondo in cui essere umani significa essere al fondo della catena alimentare. I mostri che possono maneggiare l'energia, conosciuti come Mana, danno la caccia e riducono in schiavitù quelli più deboli di loro.…
VOTO FINALE - 7.2

7.2

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi