[Recensione] Momodora: Reverie Under the Moonlight (Switch eShop)

Basato esclusivamente sul titolo, Momodora: Reverie under the Moonlight crea un’impressione di un pezzo di musica classica da sogno che ti aiuterà a rilassarti dolcemente prima di dormire con un buon bicchiere di vino e un libro. Tuttavia, questa è in realtà una delle più piacevoli sorprese del boom del genere di platform d’azione retro a scorrimento laterale che abbiamo avuto la possibilità di provare negli ultimi anni. Il gioco di uno sviluppatore chiamato Bombservice era apparso originariamente nel 2016 per PC e successivamente per una varietà di altre piattaforme, raccogliendo decine di apprezzamenti sentiti sia dai giocatori sia dai critici del gioco. Fortunatamente, dopo alcuni anni di intrusioni su piattaforme diverse, Momodora: Reverie under the Moonlight è stato finalmente presentato a Nintendo Switch, quindi questa è la versione che stiamo avendo sotto la nostra lente di ingrandimento in questo momento.


Nel caso in cui non lo sapessi, Momodora: Reverie under the Moonlight è in realtà un quarto capitolo in Momodora, un franchise che esiste da quasi un decennio, dal 2010. Tuttavia, questo non è il tuo solito seguito, ma, in realtà , un prequel, impostato circa 400 prima che fossero trascorsi gli eventi del primo gioco di Momodora. Prenderai il ruolo di Kaho, una sacerdotessa coraggiosa che impugna le foglie, incaricata di calpestare la maledizione che ha infestato il suo villaggio natale di Lyn e che si sta rapidamente diffondendo come una piaga, minacciando di abbattere il resto di questo regno un tempo tranquillo. La maledizione in questione è della solita varietà, il che significa che coinvolge il guazzabuglio standard di mostri, forze malvagie e non morti che imperversano in tutto il meraviglioso regno del Carso. Riconoscendo l’importanza della minaccia e della futilità di un compito quasi impossibile a cui è confrontata, il giovane Kaho capirà presto che la migliore linea d’azione sarebbe quella di cercare la giusta regina del Carso. Se qualcuno, lei è quella che sicuramente saprebbe cosa fare in questa situazione sgradevole.

Nonostante sia piuttosto fragile e delicata nel suo vestito da scolaretta dai capelli bianchi, Kaho non è la tipica damigella dall’aria indifesa. La ragazza sicuramente sa come muoversi intorno alle foreste, nei corridoi umidi e oscuri del castello e in altri pericolosi luoghi infestati dai mostri. La sua principale arma da mischia preferita è una foglia d’acero rossa che usa per affettare e tagliare a dadi tutti i nemici che stanno sulla sua strada. Per quelle bestioline che semplicemente non rimarranno, così come quei bruti schiaccianti che la schiacceranno come una mosca, lei tenterà di affrontarle in un combattimento corpo a corpo, Kaho maneggia arco e frecce. Oltre ad essere estremamente utile in combattimento, l’arco sarà anche usato come strumento per risolvere diversi enigmi minori durante il corso del gioco.

Momodora: Reverie under the Moonlight si svolge in un magnifico ambiente autunnale color ramato e ramato, che conferisce al gioco una sorta di pensosa, quasi malinconica sensazione. Sebbene questo particolare aspetto possa essere totalmente in armonia con il titolo del gioco, la gentilezza generale della sua presentazione e la raffinata sottigliezza della sua tavolozza di colori è in grande discordanza con il gameplay del gioco. Nonostante il sistema di combattimento fluido e alla fine soddisfacente, Momodora: Reverie under the Moonlight, a volte, vanta combattimenti frustranti e difficili, specialmente se hai avuto l’incontro ravvicinato con alcuni dei più imponenti mostri boss. Questo è un gioco che ti punirà duramente per la mancanza di tattiche, quindi quando l’attacco frontale fallisce – come spesso succederà – sarai in grado di sconfiggere solo nemici particolarmente potenti usando una combinazione intelligente di eludere, combo e tiri di schivata. . L’ambiente è una cosa che potenzialmente può aiutarti o ostacolarti durante i combattimenti, quindi assicurati di usarlo sempre nel modo migliore. Per fortuna, di tanto in tanto, incontrerai campane in cui potrai pregare e salvare il tuo stato di gioco.

Poiché è relativamente comune tra i platform d’azione in stile retrò, Momodora: Reverie under the Moonlight vanta immagini meravigliose. Nonostante il ritorno ai giorni d’oro della grafica a 16 bit, questo gioco riesce a sembrare retrò e moderno allo stesso tempo. Le animazioni sono fluide e il design generale di luoghi, personaggi e soprattutto mostri merita tutte le lodi possibili. Anche se la sua trama è un po ‘derivativa e il gameplay non offre nulla di rivoluzionario (né prova), Momodora: Reverie under the Moonlight è un primo esempio di un titolo con un’esecuzione impeccabile che mette insieme tutti questi aspetti in modo impeccabile, fornendo con un’esperienza estremamente piacevole se un po ‘breve.

Basato esclusivamente sul titolo, Momodora: Reverie under the Moonlight crea un'impressione di un pezzo di musica classica da sogno che ti aiuterà a rilassarti dolcemente prima di dormire con un buon bicchiere di vino e un libro. Tuttavia, questa è in realtà una delle più piacevoli sorprese del boom del genere di platform d'azione retro a scorrimento laterale che abbiamo avuto la possibilità di provare negli ultimi anni. Il gioco di uno sviluppatore chiamato Bombservice era apparso originariamente nel 2016 per PC e successivamente per una varietà di altre piattaforme, raccogliendo decine di apprezzamenti sentiti sia dai giocatori sia dai…
VOTO FINALE - 7.8

7.8

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi