[Recensione] Necrobarista: Versamento Finale

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto una nuova avventura grafica che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Necrobarista è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Necrobarista è infatti un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità, e dopo essere già approdato su Steamlo scorso anno ha ben pensato di fare una capatina anche sull’ibrida Nintendo, evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di Necrobarista, titolo di Route 59 (sviluppatore) e Coconut Island Games (publisher) che cerca di portare un pò di novità all’interno di un genere ormai più volte riproposto.

Se ti rimanessero solo 24 ore su questo pianeta, per cosa lo useresti? Vorresti fare un’ultima differenza nel mondo? Fai qualcosa per i tuoi cari? Se Necrobarista: Versamento Finale ha ragione, molte persone lo passano in giro per un adorabile bar. Considerando quanto siano affascinanti i dipendenti, difficilmente posso biasimarli. Un romanzo visivo, Necrobarista racconta la storia di The Terminal. Una caffetteria a Melbourne, in Australia, The Terminal serve sia i vivi che i morti. Apparentemente, una volta che muori, la tua anima indugia un po’ ed è attratta da determinati luoghi. Sono contenti di averti in giro per 24 ore, avvolgendo la tua testa attorno al tuo destino, ma poi devi andare avanti. Non farlo rischia di danneggiare la tua anima e il credito del negozio.

Un cast affascinante riempie The Terminal. Maddy è la proprietaria e barista del negozio, piena di cinismo e caffeina. Chay è l’ex proprietario e mentore di Maddy. Sa più sul caffè e sulla necromanzia di quanto la maggior parte delle persone potrebbe mai elaborare in una vita. Ashley è la loro brillante assistente adolescente che ha un vero amore per i coltelli. Lavorano insieme per mantenere il flusso di caffeina e aiutare i clienti ad accettare il loro destino. Per coloro che hanno poca es esperienza con le visual novel , sappiate che non c’è molto in termini di gameplay qui. Non stai nemmeno facendo delle scelte. Stai guardando una storia svolgersi. Il destino di questi personaggi è già scolpito nella pietra prima dell’inizio del gioco. Puoi unirti a loro per il viaggio. È anche un bel giro. Quando un nuovo spirito si presenta nel negozio, sembra solo un’altra sera. Mentre i personaggi cercano disperatamente di nasconderlo, le cose sono un po’ fuori dall’ordinario, anche per The Terminal.

La nuova anima che si unisce al gruppo ha personalità, ma è anche un’ottima scusa per i personaggi per dire un sacco di cose espositive su questo punto di passaggio per qualunque cosa accada dopo, che altrimenti non sarebbe necessario. Necrobarista ti lancia qualche personaggio in più durante le sue quattro ore circa, ma i tre membri dello staff, il tuo surrogato e un fuorilegge della vita reale trasformatosi in tutore dell’aldilà costituiscono il cuore emotivo della storia. Se ho qualche lamentela sulla storia qui, mi sarebbe piaciuto vedere un ulteriore impegno per la cultura del caffè. Per quanto tutti questi personaggi siano interessati alla loro caffeina, e per quanto orgoglio sembrino provare in ciò che fanno, è strano che fare il caffè non diventi mai più focalizzato. Non c’era bisogno di arrivare a qualcosa come Coffee Talk , ma un po’ di più sarebbe stato carino.

Tra i capitoli della storia, potrai vagare per The Terminal in prima persona. Piccole storie sul cast e su altri che sono passati per The Terminal sono tutt’intorno. Questi piccoli racconti sono meravigliosi, arricchendo ulteriormente questo mondo. Nessuno mi ha preso così forte come la narrativa principale, ma volevo trovarli tutti. Sebbene valga la pena trovare le storie, tuttavia, avrei preferito un altro metodo di consegna. Non c’è niente da fare in queste sezioni, il che rende The Terminal un po’ meno magico.

Anche le nuove aggiunte per il rilascio di “Versamento Finale” non sono molto di cui scrivere a casa. La grafica aggiornata è fantastica, creando un vero senso dell’umore durante il gioco. La modalità Doodle ti consente di disegnare volti sulle creazioni robotiche di Ashley ed è carina, ma sono rimasto sorpreso da quanto sia essenziale. La modalità Studio ti consente di creare le tue scene e, in teoria, suona alla grande. Ho adorato questi personaggi, ed essere in grado di creare più storie per loro sembra meraviglioso. L’interfaccia non si adatta bene allo Switch, tuttavia, e diverse volte le cose si sono bloccate anche qui. Resettare il gioco non è la fine del mondo, ma sarei stato sconvolto se fossi stato profondamente coinvolto nella creazione di qualcosa. Gli strumenti qui sono approfonditi e potrebbero funzionare meglio su PC, ma sembrano più problemi di quanti ne valga la pena su Switch.

Qui sono incluse anche diverse aggiunte DLC al gioco originale e vale la pena giocarle. Sfortunatamente, ancora una volta non sono all’altezza della qualità della storia principale, ma poche storie nei giochi lo sono. Necrobarista: Versamento Finale offre una storia commovente sulla morte, sulla vita e su come andare avanti. I brevi pezzi in prima persona tra i capitoli potrebbero essere migliori e vorrei che la versione Switch fosse più stabile, ma la storia è la ragione per comprare questo, ed è eccellente. Con personaggi affascinanti e un grande senso dello stile, Necrobarista vale il tuo tempo, sia che tu sia in vita o in procinto di andare avanti. E’ presente anche la localizzazione italiana, motivo in più per supportare questa interessantissima produzione.

Necrobarista, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con un gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante, nonostante per natura non sia adatto a tutte le tipologie di giocatori (quelli poco avvezzi al genere per esempio). Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula assolutamente appagante si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli dove l’avanzamento richiede impegno e dedizione vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto una nuova avventura grafica che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Necrobarista è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Necrobarista è infatti un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità, e…
In un caffè in un vicolo, ai morti viene concessa un'ultima notte per mescolarsi ai vivi. Necrobarista segue un cast dinamico e diversificato di personaggi mentre esplorano la cultura del caffè hipster di Melbourne, l'etica discutibile della necromanzia e il processo di lasciar andare.

Necrobarista

VOTO FINALE - 7.8

7.8

In un caffè in un vicolo, ai morti viene concessa un'ultima notte per mescolarsi ai vivi. Necrobarista segue un cast dinamico e diversificato di personaggi mentre esplorano la cultura del caffè hipster di Melbourne, l'etica discutibile della necromanzia e il processo di lasciar andare.