[Recensione] A Normal Lost Phone (Switch eShop)

“A Normal Lost Phone” è un gioco unico, o almeno diverso da quello che normalmente troviamo nell’eShop di Nintendo, nel quale cerca di sviluppare sia personaggi narrativi che personaggi credibili attraverso un concetto che non viene utilizzato o anche esplorato – molto spesso: giocando e cercando di risolvere un mistero attraverso l’interfaccia di uno smartphone. È, quindi, una premessa intrigante che, nonostante non sia pienamente sfruttata in “A normal Lost Phone”, il gioco contiene una quantità di elementi interessati e capaci di intrattenere per un paio d’ore.

Sì, un paio d’ore. “A Normal Lost Phone” è un gioco estremamente breve, che, sfortunatamente, non ha abbastanza contenuti da giustificarne il prezzo. All’improvviso se costasse la metà potrei raccomandarlo al massimo, ma con il prezzo che ha ora, mi sentirei davvero in colpa a dire ai miei lettori di spendere quella somma di denaro per un’esperienza che durerà più a lungo di un round trip in il Metropolitan. Ed è un peccato, perché non è che “A Normal Lost Phone” sia un brutto gioco; semplicemente doveva durare di più.

Ma sto andando avanti da solo. Come avrai già capito, la premessa di “A Normal Lost Phone” è che trovi uno smartphone smarrito, che devi esplorare per capire come trovare il suo proprietario. Per fare ciò, devi esplorare diversi messaggi di testo, programmi, foto e altro, per essere in grado di ottenere indizi. Ovviamente il telefono stesso è sbloccato, ma mentre vai avanti, puoi ottenere sempre più password per aprire sempre più programmi, che andranno, non solo dando più indizi sull’identità del proprietario del cellulare, ma anche esplorando una piccola vita del suo proprietario, dei suoi amici e della sua famiglia.

In effetti, uno dei punti di forza di “A Normal Lost Phone” è nel modo in cui riesce a caratterizzare in modo così umano e credibile i personaggi che si stanno conoscendo attraverso il materiale trovato sul cellulare. Le conversazioni nel testo sono scritte in modo plausibile e naturale, e il resto del materiale che si trova viene usato come pezzi di un puzzle che viene assemblato lentamente, ma sicuramente. Anche se l’interfaccia dello smartphone non sembra buona come ci si aspetterebbe, in generale l’esperienza di utilizzo sembra molto realistica; tutto, dalle conversazioni alle foto e agli appunti, ricorda uno dei contenuti che ha sul proprio telefono cellulare.

Essendo un gioco di mistero, il più soddisfacente in “A Normal Lost Phone” è in quei momenti in cui uno, finalmente, riesce a ottenere una nuova password, o scopre una nuova traccia. Il sindaco di questi casi funziona perché si finisce per sentimento che è stato in grado di usare la sua logica o poteri di deduzione per risolvere certi misteri, ma alcune delle tracce, purtroppo, sono così criptico e ingannevole, causando più frustrazione che piacere. “A Normal Lost Phone” a volte assume che uno sia un genio di Sherlock Holmes, in grado di indovinare ciò che il gioco sta chiedendo, anche se la soluzione, essendo onesta, non ha molto senso. Questi momenti non sono abbastanza frequenti da finire a rovinare l’esperienza generale, ma continuano a infastidire.

In termini di aspetto del gioco, prova ad emulare l’interfaccia di un normale smartphone e, come ho detto sopra, in questo senso, adempie alla sua missione. Sì, questo cellulare sembra un dispositivo moderno, ma allo stesso tempo non sembra abbastanza professionale a livello di design e risoluzione, tanto da mettere davvero il giocatore in questo contesto. La musica è piacevole – e diegetica; dovrebbe provenire dall’app di musica del cellulare – e gli effetti sonori sono conformi.

Come dovresti immaginare, dato che “A Normal Lost Phone” ha lo scopo di emulare l’esperienza dell’uso di un telefono cellulare, è meglio giocarlo in modalità portatile dello Switch Nintendo, e in verticale con i comandi touch. Se si suona il titolo in questo modo, diventa un’esperienza naturale e coinvolgente. Se uno, piuttosto, si dedica a giocare in TV, o in modalità orizzontale, o con controlli normali invece di toccare, non sarà particolarmente buono. “A Normal Lost Phone” è il gioco raro che deve essere sperimentato solo in modalità portatile e in verticale. Altrimenti, semplicemente non funziona.

Ritornando un po ‘alla durata; Sì, “A Normal Lost Phone” è un gioco corto. Può essere completato in un paio d’ore, e una volta che si finisce la storia, non c’è molto altro da fare. Ma essendo onesto, è un gioco breve ma relativamente dolce, che cerca di fare qualcosa di diverso, originale e intrigante. Potrebbe essere più lungo? Penso di sì. Dovrebbe essere stato più lungo? Sicuramente. E se non avessero pianificato di allungarlo. Dovrebbe costare di meno? Di tutti i modi!

“A normal Lost Phone” mi ha lasciato con sentimenti contrastanti. Da un lato, mi piace che abbiano provato a usare un concetto abbastanza originale per sviluppare una storia con personaggi credibili, pieni di misteri. Ma d’altra parte, l’esecuzione a volte lascia qualcosa a desiderare; La grafica dei cellulari è un po ‘semplicistica, alcuni indizi sono esageratamente criptici e il gioco è semplicemente troppo breve. Consiglio di prenderlo se lo metti in vendita; per il momento, sei dollari sono troppi soldi per pagare un’esperienza innegabilmente innovativa, ma a volte sembra incompleta.

"A Normal Lost Phone" è un gioco unico, o almeno diverso da quello che normalmente troviamo nell'eShop di Nintendo, nel quale cerca di sviluppare sia personaggi narrativi che personaggi credibili attraverso un concetto che non viene utilizzato o anche esplorato - molto spesso: giocando e cercando di risolvere un mistero attraverso l'interfaccia di uno smartphone. È, quindi, una premessa intrigante che, nonostante non sia pienamente sfruttata in "A normal Lost Phone", il gioco contiene una quantità di elementi interessati e capaci di intrattenere per un paio d'ore. Sì, un paio d'ore. "A Normal Lost Phone" è un gioco estremamente breve,…
VOTO FINALE - 6

6

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi