[Recensione] Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo d’avventura che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm è infatti un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità, e dopo essere approdato su Apple Arcade lo scorso anno ha ben pensato di fare una capatina anche sull’ibrida Nintendo, evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm, titolo firmato Cornfox & Brothers che cerca di portare un pò di novità all’interno di un genere ormai più volte riproposto, ed anche del suo stesso prequel.

Knights of the Lost Realm è un prequel ambientato 1.000 anni prima degli eventi del primo gioco, a partire da una notte tempestosa in cui un bambino viene affidato alle cure del Maestro Mayfair. Anni dopo, la prima missione di questo eroe senza nome all’arrivo a Outcast Island è andare a recuperare una cassetta di sicurezza dal nascondiglio dei pirati. Dopo aver completato questa missione, che funge da tutorial di apertura del gioco, l’eroe continua il suo addestramento per diventare un cavaliere. In poco tempo, un dirigibile si schianta in lontananza e il Maestro Mayfair crede di sapere chi stava pilotando il dirigibile, incaricandoti delle indagini.

Il nostro eroe si propone di indagare sull’incidente con Gen, un compagno robot e un membro del gruppo. Dopo aver indagato sul luogo dell’incidente, incontriamo Trin, una figura chiave nel gioco e un altro membro del gruppo. Il trio di protagonisti decide di tornare al villaggio. Al ritorno al villaggio, in tipico stile con i giochi di avventura e azione, le cose non sono come le avevi lasciate. I Dark Troopers sono arrivati ​​e stanno minacciando il villaggio e presumiamo che stiano cercando Trin. Il maestro Mayfair suggerisce al gruppo di fuggire verso la Città Bianca. Dopo essere arrivato lì e aver appreso di altri eventi che hanno avuto luogo, la festa si propone di restituire i tre sacri emblemi di Sole, Terra e Oceano. Nel complesso, la storia è buona e realizza ciò che si prefigge di fare: aggiungersi alla storia della serie mentre si spiegano gli eventi che hanno portato al primo gioco.

Oceanhorn 2 è un enorme miglioramento rispetto al primo capitolo, pur mantenendo ciò che lo rende eccezionale nel suo genere di appartenenza; combattimenti divertenti, puzzle, grandi battaglie contro i boss e un mondo aperto da esplorare. Una cosa che i giocatori di ritorno della serie noteranno presto, oltre all’ovvio passaggio al 3D, è la vasta mappa del mondo che collega tutte le aree più piccole, come villaggi e dungeon, insieme. Per riferimento, il gioco precedente utilizzava la navigazione per collegare tra loro tutte le isole o aree minori. Sebbene tu possa ancora navigare, puoi anche volare o semplicemente attraversare la mappa a piedi alla ricerca di pietre di sangue, combattere nemici o dare la caccia ad alcuni dei misteriosi nemici, questi ultimi sono missioni che ottieni dalle bacheche di vari villaggi. Queste bacheche ti daranno indizi su queste missioni opzionali, ma spesso valgono lo sforzo per le loro ricompense e gli scontri con i boss ad esse associati.

Le battaglie contro i boss in Oceanhorn 2 sono epiche: enormi boss in arene giganti da combattere. Ogni boss è unico e richiede al giocatore di capire ed esporre la propria debolezza. Oltre alle numerose battaglie con i boss del gioco, le opportunità di battaglia standard abbondano e il nostro eroe ha diversi modi per affrontarle. In modo tradizionale, l’eroe può correre verso i nemici e sparare con la sua spada, schivare rotolando via o bloccare con lo scudo se necessario. Il nostro eroe ha anche una pistola lanciatrice, che è un modo per usare la magia e può sparare varie forme di munizioni. Oltre a sparare munizioni tradizionali, può anche essere caricato con colpi di fuoco, ghiaccio o fulmini che sono utili contro determinati nemici e persino usati per risolvere determinati enigmi.

Un altro modo per affrontare il combattimento è ordinare ai vari membri del gruppo di attaccare i nemici. Come accennato in precedenza, l’eroe sarà supportato da un massimo di due membri del gruppo, inclusi Trin, Gen e Master Mayfair. Questi membri aggiuntivi del partito non possono essere microgestiti fino a un certo punto, ma possono essere comandati per eseguire alcune azioni di base. Puoi comandare loro di attaccare, seguire l’eroe o persino aiutare a risolvere i puzzle, il tutto controllato da un pratico menu di selezione rapida. Il combattimento funziona bene nel complesso, ma un migliore sistema di aggancio sarebbe stato fantastico considerando quanto può essere difficile concentrarsi su obiettivi prioritari.

La risoluzione dei puzzle è un pilastro di Oceanhorn 2, e ce ne sono molti sparsi in tutto il mondo che richiederanno di esplorare in lungo ed in largo la mappa di gioco. Dall’uso della tua pistola lanciatrice per risolvere enigmi basati sull’elettricità, dal bombardamento di rocce o muri per rivelare interruttori, al comando dei membri del tuo gruppo di premere pulsanti aggiuntivi, Oceanhorn 2 è pieno zeppo di puzzle. Il completamento dei puzzle offre vari premi, tra cui la progressione del dungeon, bonus di viaggio veloce, pezzi di cuore, oggetti o frammenti. I frammenti possono essere utilizzati per aggiornare i tuoi oggetti e ogni arma e incantesimo può avere due frammenti equipaggiati alla volta.

Oceanhorn 2 ha anche un sistema di esperienza, anche se abbastanza basilare. Man mano che sconfiggi i nemici questi lasciano cadere valuta, salute o altri oggetti, e lasceranno cadere anche XP. Raccoglierlo aumenterà gradualmente il rango del tuo eroe e ogni livello include un piccolo vantaggio, come la possibilità di trasportare più munizioni o aumentare la resistenza. Alla luce di questo possiamo dire che il gameplay nel suo insieme è stato migliorato drasticamente rispetto al primo titolo ed è a uno standard accettabile per questo tipo di gioco.

Quando si tratta di presentazione, Oceanhorn 2 continua il precedente stabilito dal primo gioco di essere visivamente impressionante. Quando vedi le immagini, il tono è immediatamente impostato ed è chiaro da dove trae ispirazione. Ogni area ha il suo tema unico, anche se molte mancano di varietà nemica. Come la grafica, il design audio è ben fatto ed intrigante.

Nonostante alcunipiccoli difetti, come sporadici glitch e rallentamenti, Oceanhorn 2 si sente a casa su Switch e offre un’esperienza di 10-15 ore. Ho ancora alcune missioni secondarie che vorrei completare anche dopo le 13 ore e apprezzo che il gioco non si protragga oltre il suo benvenuto. Detto questo, ritengo che la sua durata di conservazione più breve e il prezzo elevato per un porting di un gioco iOS possano renderlo difficile da accettare per alcuni. Si sente immensamente meglio su Switch rispetto al cellulare, e questo viene da qualcuno che ha giocato entrambe le versioni esclusivamente in modalità portatile. Il vero problema, però, potrebbe essere il suo prezzo, decisamente elevato nonostante il gioco sia comunque di ottima qualità.

Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con un gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante, nonostante per natura non sia adatto a tutte le tipologie di giocatori (quelli poco avvezzi al genere per esempio). Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula assolutamente appagante si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli dove l’avanzamento richiede impegno e dedizione vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, magari aspettando un piccolissimo sconto.

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo d'avventura che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm è…
Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm, ambientato mille anni prima degli eventi del primo capitolo, ti porterà in un magico viaggio nel vasto mondo di Gaia, ricco di mitologia e tradizioni. Un giovane cavaliere affronta una sfida impossibile, dato che lo Stregone Mesmeroth è tornato con un formidabile Esercito oscuro. Riuscirà il nostro eroe a unire gli Owru, i Gillfolk e gli umani nella lotta per il destino del mondo?

Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm

VOTO FINALE - 7.6

7.6

Oceanhorn 2: Knights of the Lost Realm, ambientato mille anni prima degli eventi del primo capitolo, ti porterà in un magico viaggio nel vasto mondo di Gaia, ricco di mitologia e tradizioni. Un giovane cavaliere affronta una sfida impossibile, dato che lo Stregone Mesmeroth è tornato con un formidabile Esercito oscuro. Riuscirà il nostro eroe a unire gli Owru, i Gillfolk e gli umani nella lotta per il destino del mondo?