[Recensione] Old Man’s Journey (Switch eShop)

Quando ho iniziato a giocare a Old Man’s Journey, non avevo idea di cosa aspettarmi. Mi interessava semplicemente lo stile artistico, che mi ricordava i cartoni fiamminghi. Ha uno stile pittorico combinato con spigoli vivi che fa sembrare tutto onirico. Le sezioni piene di colore spazzano con un movimento quasi costante, che contrasta fortemente lo stile del gioco che è molto più pensoso o meditativo. Riflette quel personaggio centrale, tuttavia, un vecchio senza nome che un giorno riceve una lettera per posta. Non ci viene detto che cosa contiene la lettera, ma solo che fa scattare il gentiluomo a mettere in valigia lo zaino e andare a camminare.

La sua passeggiata sembra infinita e lungo la strada vedrà le persone che vivono le loro vite senza cure. Come giocatore, è nostro compito portare quest’uomo a destinazione. Tuttavia, può camminare solo su un piano di prospettiva e usando il touchscreen o un cursore spostato con la levetta sinistra, possiamo afferrare altre pianure e spostarle verso l’alto o verso il basso. Ciò consente al vecchio di continuare la sua passeggiata.

Diciamo che sta camminando in salita e vedi un edificio sullo sfondo distante. Ha bisogno di spostarsi indietro attraverso questi strati per arrivarci. Può farlo solo se alziamo o abbassiamo il paesaggio, creando pendenze che spostano la prospettiva. A un certo punto sale su un treno per continuare il suo viaggio e il giocatore deve alzare e abbassare i pezzi della traccia per mantenere il treno in movimento. Non c’è penalità; il treno non si schianterà. Il treno si ferma o viaggia lungo mentre la musica ti porta via.

È un concetto interessante ma che non si presta veramente alla parola ‘gioco’ nel videogioco. Non è nemmeno un romanzo visivo, perché non c’è dialogo o narrazione. Eppure, è un’esperienza ipnotica che calma l’anima e calma i nervi. È un momento di pace in un mondo di azione e avventura caotiche.

Quando ho aperto il gioco per la prima volta, ero seduto in un affollato caffè della libreria. Collegai le mie cuffie e affondai un po ‘più in basso sulla sedia su cui sedevo. Una melodia melodica si gonfiava e si inondava di me; un interessante pezzo strumentale che evoca immediatamente emozioni e mi fa sorridere. Nel giro di pochi minuti stavo muovendo il mondo intorno a quest’uomo e spingendolo in avanti. Sono stato spazzato via, rilassandomi in un gioco che non è davvero un gioco. Era assolutamente affascinante.

Per aggiungere a questo fascino, gli sviluppatori hanno implementato momenti in cui l’uomo si mette a riposare su una panchina, ingrandendo la scena come se stesse entrando in un dipinto ad acquerello. Qui, impari che puoi interagire con così tanti pezzi di scenografia. TAPpare una rana causerà il suo gracidare, chiudendo una finestra in cui una signora si sporge per farla scuotere il pugno verso di te in allarme. Puoi spingere i campanelli del vento, svegliare i gatti che ti portano verso nuovi percorsi e ogni tanto puoi fare clic su una persona che attiva un’immagine.

All’interno di queste immagini, vediamo i passaggi della vita che vengono stabiliti. Un uomo che incontra una ragazza. Sorprendendola con una gita in barca. Niente in queste immagini è interattivo, ma ognuna racchiude un senso di meraviglia e nostalgia. Ricompensano l’esplorazione e l’intrigo nelle scene. Piccoli manierismi e gesti dal personaggio centrale, prima e dopo queste immagini sono mostrati, aggiungono una ricchezza di personalità alla sua forma bidimensionale e fanno molta strada per creare una personalità arrotondata, e l’esperienza, che è del tutto accattivante.

Quando ho iniziato a giocare a Old Man's Journey, non avevo idea di cosa aspettarmi. Mi interessava semplicemente lo stile artistico, che mi ricordava i cartoni fiamminghi. Ha uno stile pittorico combinato con spigoli vivi che fa sembrare tutto onirico. Le sezioni piene di colore spazzano con un movimento quasi costante, che contrasta fortemente lo stile del gioco che è molto più pensoso o meditativo. Riflette quel personaggio centrale, tuttavia, un vecchio senza nome che un giorno riceve una lettera per posta. Non ci viene detto che cosa contiene la lettera, ma solo che fa scattare il gentiluomo a mettere…
VOTO FINALE - 7

7

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi