[Recensione] OlliOlli: Switch Stance (Switch eShop)

C’era una volta in cui Tony Hawk dominava la scena del gioco, il suo skateboard annuale pubblica qualcosa di cui entusiasmarsi. Mettere un numero sul numero di ore che ho perso per rettificare le rotaie, girare su half-pipe e tirare fuori combo incredibilmente ridicole non è facile, ma diciamo che è almeno tra le centinaia. Guardando il paesaggio ora è una storia completamente diversa anche se con l’eccellente serie Skate di EA non c’è più e Pro Skater 5 di Tony Hawk è un vero disastro. Il genere skateboard non è più quello di una volta, diciamo così.

Entra nella serie OlliOlli di Roll7, una versione rinfrescante del genere che è in parte auto-scroller (o auto-roller in questo caso) e in parte un gioco di giocoleria basato sul trucco. Ogni fase che attraversi è il suo parco giochi 2D lineare di rotaie per macinare e rampe per troncare con le migliori piste compiute da chi ne approfitta. Proprio come la serie di Tony Hawk prima di lui, mettere insieme le combinazioni più lunghe e appariscenti non è solo il grande obiettivo di OlliOlli, ma anche il suo più grande punto di forza.

OlliOlli: Switch Stance oltre a sfoggiare un sottotitolo relativo al pattinaggio piuttosto intelligente raggruppa sia il gioco originale OlliOlli che il sequel migliorato OlliOlli 2: Welcome to Olliwood. Per quanto riguarda i porti, c’è poco da criticare qui, il gioco funziona perfettamente su Switch. Se c’è un fatto un po ‘deludente è che non c’è nulla nel modo in cui nuove funzionalità o contenuti inclusi. Poi di nuovo è difficile discutere di come si adattino entrambi questi giochi sullo Switch.

Se c’è una funzionalità che aiuta veramente la serie OlliOlli a sentirsi più di un altro tipo di corridore senza fine a scorrimento automatico, è come si sente e controlla. Piuttosto che premere semplicemente i pulsanti su Olli o eseguire trucchi, dovrai effettivamente spostare il joystick verso il basso (quasi come se stessi accovacciando le gambe), quindi alzarlo e in una direzione. È sorprendente quanto più ci si senta coinvolti rispetto al semplice tocco di un pulsante. Allo stesso modo, la levigatura richiede di colpire il joystick proprio mentre la tavola tocca il binario o il muro per iniziare. In effetti, i tempi giocano un ruolo molto importante in entrambi i titoli OlliOlli, con ogni trick e jump che richiedono anche di premere il pulsante B proprio mentre atterri per rotolare via in modo pulito e con i punti più alti. Mistime il tuo atterraggio e guarda il tuo punteggio crollare.

Proprio come quando il Pro Skater 3 di Tony Hawk ha aggiunto il ripristino, l’aggiunta di manuali in OlliOlli 2: Welcome to Olliwood ha un grande impatto sul modo in cui giochi essenzialmente consentendo combo ancora più lunghe e più impressionanti. Se l’originale OlliOlli è la possibilità di fare i conti con lo schema di controllo unico della serie, il suo sequel sembra come l’esame finale, alzando ancora di più la posta, chiedendo punteggi più alti e persino run più snelli.

C’è poca differenza tra i due giochi quando si tratta della presentazione delle loro modalità di carriera. Entrambe ti accompagnano in cinque ambienti unici, ciascuno composto da cinque fasi che contengono tutte cinque sfide da compiere. Molti di questi ruotano attorno al raggiungimento di una certa soglia di punti o atterrano una combo abbastanza alta, ma alcuni possono anche richiedere di fare qualcosa di un po ‘più unico come eseguire determinati trucchi o afferrare oggetti casuali durante la corsa. Se sei fortunato (o semplicemente estremamente bravo) potresti essere in grado di spuntare tutte le attività in una corsa sorprendente. Per quanto mi riguarda personalmente, però, ho trovato che concentrarsi su uno per run è un ottimo modo per imparare il palco e migliorare le mie prestazioni. Padroneggia tutte e cinque le attività all’interno di uno stage e sbloccherai una versione più dura di quel livello con cinque nuovi compiti ancora più difficili. Nel frattempo, gli “Spots” diventano gradualmente disponibili e ti vedono cercare di ottenere il punteggio più alto con una singola combo. Lascia che tutte e quattro le ruote colpiscano il pavimento e la tua corsa sia finita.

Mentre può essere una missione di per sé semplicemente evitando scale e cassonetti e raggiungendo la fine di un livello di raschiatura e infortuni, provare a controllare compiti come raggiungere i punteggi obiettivo, macinare una certa balaustra o trovare oggetti da collezione nascosti dà a entrambi i titoli OlliOlli un livello impressionante di profondità che ti fa tornare indietro. Meglio ancora è come tutto sembra veloce e fluido. Cadere piatto sulla tua faccia? Nessun problema dal momento che il riavvio è istantaneo. Mistime un Olli e non riesci a prendere l’ultima bomboletta spray? Anche in questo caso non è un problema poiché i livelli sono abbastanza brevi, la situazione raramente diventa frustrante. Simile a un gioco come Super Meat Boy, i tempi di caricamento praticamente inesistenti significano passare più tempo nel bel mezzo dell’azione e meno nei menu o in attesa.

Visivamente entrambi i giochi optano per un aspetto più semplicistico, anche se il sequel beneficia di uno stile leggermente più fumettistico. Gli ambienti che attraverserai offrono un sacco di varietà – specialmente OlliOlli 2 con i suoi film ambientati dopo il selvaggio west e un’epidemia di zombi in un luna park – il che rende un benvenuto il passaggio a un gruppo di strade dall’aspetto generico. Se c’è un problema che ho trovato con le immagini – in particolare il primo gioco – è la decifrazione tra sfondo e primo piano, cosa è macinabile e cosa non lo è. Non è una rottura del gioco, ma ha portato a un buon numero di piante del viso e confusione.

OlliOlli: Switch Stance riempie il vuoto rimasto nel genere dello skateboard piuttosto bene con il suo sistema di trucchi unico e gratificante e il gameplay scattante. Il fatto che si tratti di una porta semplice con pochi contenuti extra potrebbe deludere i giocatori che ritornano, ma per quelli che bramano qualcosa per riempire quel buco di Tony Hawk nei loro cuori questo dovrebbe fare il lavoro.

C'era una volta in cui Tony Hawk dominava la scena del gioco, il suo skateboard annuale pubblica qualcosa di cui entusiasmarsi. Mettere un numero sul numero di ore che ho perso per rettificare le rotaie, girare su half-pipe e tirare fuori combo incredibilmente ridicole non è facile, ma diciamo che è almeno tra le centinaia. Guardando il paesaggio ora è una storia completamente diversa anche se con l'eccellente serie Skate di EA non c'è più e Pro Skater 5 di Tony Hawk è un vero disastro. Il genere skateboard non è più quello di una volta, diciamo così. Entra nella…
VOTO FINALE - 7.4

7.4

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi