[Recensione] Reverie: Sweet As Edition (Switch eShop)

Con spiriti irrequieti che minacciano la sicurezza degli abitanti dell’isola di Toromi, Tai si avventurerà in pericolosi dungeon attraversando una grossa varietà di ambientazioni per metterli a riposo una volta per tutte. Il tutto in una vacanza estiva! Reverie è un action adventure ambientato in un’isola fittizia della Nuova Zelanda, ispirato alla leggenda di Maui dove il semidio in persona pesca l’isola del Nord con un potente amo da esca.

Reverie ti mette nei panni di un giovane di nome Tai, che va a visitare i suoi nonni sull’isola di Toromi, che potrebbe o meno essere una vera isola nella Nuova Zelanda. In pochissimo tempo, si ritrova coinvolto in una ricerca mistica per affrontare alcuni spiriti maledetti e maledetti che abitano l’isola, tutti basati su una variante della leggenda di Maui che molte persone potrebbero aver imparato da Moana l’anno scorso. Per un breve ma dolce periodo di tempo, il nostro eroe troverà tesori, esplorerà sotterranei, combatterà qualsiasi numero di boss bizzarri (il primo è un essiccatore posseduto) e porterà pace sia all’isola che agli spiriti dannati per l’omicidio loro fratello Sembra molto, molto più oscuro di quello che è, credimi su questo.

Reverie è un’avventura top-down che è sfacciatamente in linea con le grandi avventure 16 anni del passato, in particolare Legend of Zelda: A Link to the Past. Tai inizia con una mappa e una mazza da cricket e gradualmente trova i dungeon in cui risiedono gli spiriti, raccogliendo più armi e accessori e accendendo la barra della salute. Combatti animali pazzi e esseri che si sentono a casa con il mondo di Toromi, e di tanto in tanto ti fermi a chiacchierare con persone che hanno qualcosa da raccontarti sulla loro vita e sulla loro routine quotidiana. Potresti anche trovare una missione secondaria o due come risultato di aiutarli, ma nulla che si allontani troppo dall’avventura principale.

Questa è una cosa negativa che devo dire su Reverie: Sweet As Edition in alto: è dannatamente breve. La mia avventura iniziale mi ha richiesto probabilmente tre ore e sono entrato in questa cosa totalmente cieca e senza alcun riferimento. Circa venti minuti buoni sono stati spesi cercando di capire come arrivare al secondo sotterraneo, e, dopo quello, le cose hanno appena preso slancio e sono andate. C’è una costante ricerca sotterranea per trovare piume sparse in tutta l’isola, ed è abbastanza divertente, ma non è obbligatorio né è difficile. I mini giochi che sono stati realizzati con questa speciale edizione “Sweet As” sono varie e buone distrazioni, ma non qualcosa su cui devi investire pesantemente. Il gioco al portico è decente, giocare a pong contro un maledetto forno a microonde mi ha portato via più a lungo di quanto ammetto di ammettere, e le ricompense erano fantastiche ma penso che avrei potuto battere il gioco senza di loro. Se non ci fosse un cuore per Reverie, allora tutto sarebbe un gioco unico, che sarebbe facilmente dimenticato dopo un altro paio di giorni di gioco letteralmente di qualsiasi altra cosa.

Ma ecco la bella notizia: Reverie è piena di cuore. Per quanto abbia aborrito nel fare confronti tra giochi, Reverie si è davvero sentito come un misto di The Legend of Zelda con Earthbound. Zelda perché il gioco non ha un grande scopo, ma ha una chiara missione e un buon equilibrio tra successo e ricompensa. Man mano che avanzi nel gioco, impari ad avvicinarti ai nemici con diverse meccaniche e schemi di attacco per sfruttare al massimo il tuo tempo. Il dart gun non è molto preciso, ma un singolo colpo farà cadere quelle fastidiose api da lontano. Usare il tuo yo-yo per stordire i nemici abbastanza a lungo da attraversare è solitamente meglio che ucciderli perché non esiste un periodo refrattario per respawn se lasci una stanza. I nemici schiocceranno di nuovo a posto se esci e fai un passo indietro, rendendo le monete di macinazione per quelle scarpe da corsa un gioco da ragazzi (che poi non ho mai usato perchč non potevo controllarle). I boss prendono i calcoli e pianificano, e spesso devi morire una volta per ottenere una presa, ma questo non è un problema quando si respawn appena all’inizio del dungeon, niente è perso e non ci sono penalità in termini di denaro che hai raccolto.

Gli enigmi che ti imbattono in diverse parti dell’avventura sono lì per rompere la monotonia di andare semplicemente di stanza in stanza, eppure non ce n’era uno che davvero richiedesse uno sforzo o un’attenzione extra per poter passare. Se hai mai giocato a un gioco in cui i pannelli devono essere attivati, i blocchi devono essere spinti o gli obiettivi devono essere colpiti, lo capirai. L’inferno, il tempo più lungo trascorso era seriamente il primo “enigma” per arrivare al secondo dungeon, e questo era dovuto al fatto che a.) Sono un idiota eb). Passai troppo tempo ad uscire con i koala nella calda primavera e ridacchiando su tutto quello che stava succedendo intorno a me. Perché i koala erano in una calda primavera? Perché Reverie è come Kiwi, come si può ottenere con un gioco senza spostarsi direttamente in Nuova Zelanda.

Sono rimasto stupefatto da quanto onesta e invitante Reverie sentisse nei termini di darmi l’esperienza della Nuova Zelanda. Ognuno ha qualcosa da dire con un po ‘di inflessione, gergo e sprone per renderlo una parte reale della loro casa. I nemici non sono solo bestie casuali, sono basate su cose che avresti scoperto nelle terre selvagge vicino ad Auckland o Christchurch. Ci sono bandiere nella città principale che proclamano orgogliosamente dove sei, un campo da rugby non lontano dalla casa dei tuoi nonni, e una foresta piena di uccelli incapaci di volare da scoprire quando stai girovagando (il che, trovarli, sblocca anche un esilarante successo , che vale la pena tutto suo). È come se qualcuno avesse scattato un’istantanea della Nuova Zelanda a 16 bit e sovrapposto una trama di misticismo e tradizione per renderlo più incredibile ed eccitante nello stesso respiro. La stranezza del mondo, combinata con una colonna sonora molto sintonizzata e ottimista, è ciò che mi ha attratto nella mentalità “Earthbound”. Non c’è nulla di esplicitamente o intenzionalmente “strambo”, è solo la natura di tutti coloro che vivono qui e di come ti fanno sentire. Qualcuno sulla spiaggia mi sta dicendo quanto sia orribile avere sabbia nella loro fessura appena tirato fuori un sopracciglio alzato e la mia espressione vocale di “Non ti conosco nemmeno, uomo.” È fenomenale, e mi ha dato la forza di andare torna indietro e gioca a pong contro quel microonde un’altra volta.

Per riassumere Reverie in una parola, è affascinante. È assolutamente affascinante e delizioso in un modo che raramente vedo nei giochi di avventura al giorno d’oggi. Puoi facilmente tornare a Reverie e giocare ancora e ancora e goderti il ​​flusso e l’eccitazione di scendere dalla barca fino alla resa dei conti finale. Una volta sconfitto, c’è una difficoltà da incubo da provare, che consiglio perché il gioco iniziale sembrava un po ‘indulgente (i nemici lasciavano cadere la pizza costantemente). Il gioco è ottimamente ottimizzato sullo Switch che le transizioni potrebbero anche essere senza soluzione di continuità, la ruota di selezione rapida è più funzionale del normale interruttore a mappa, ed è perfettamente a suo agio sullo Switch, occupando quasi senza spazio e offrendo così tanto giocare. Questo gioco è così accattivante che voglio prendere una copia fisica da mostrare con orgoglio sul mio scaffale e devo ricordarmi di questo titolo una volta ogni tanto. Se hai un amore per i giochi di avventura che hanno quel sapore “Nintendo” distintivo, allora Reverie: Sweet As Edition non dovrebbe mancare.

Con spiriti irrequieti che minacciano la sicurezza degli abitanti dell'isola di Toromi, Tai si avventurerà in pericolosi dungeon attraversando una grossa varietà di ambientazioni per metterli a riposo una volta per tutte. Il tutto in una vacanza estiva! Reverie è un action adventure ambientato in un'isola fittizia della Nuova Zelanda, ispirato alla leggenda di Maui dove il semidio in persona pesca l'isola del Nord con un potente amo da esca. Reverie ti mette nei panni di un giovane di nome Tai, che va a visitare i suoi nonni sull'isola di Toromi, che potrebbe o meno essere una vera isola nella Nuova…
VOTO FINALE - 7.1

7.1

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi