[Recensione] Stela

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo narrativo che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Stela è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay minimale ma allo stesso tempo funzionale ad una trama per nulla banale (e anzi che ci farà riflettere in più di un’occasione) ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di breve durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. Stela è infatti un titolo che già l’anno scorso ha potuto dare prova della sua validità su Xbox One e Apple Arcade, e dopo essere approdato su Steam ha ben pensato di fare una capatina anche sull’ibrida Nintendo, evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di Stela, titolo di SkyBox Labs che strizza fortemente l’occhio a quel capolavoro di Limbo.

Stela è un puzzle-platform 2D nel quale passeremo molto tempo correndo verso destra e saltando sugli oggetti. Naturalmente ci sono enigmi da risolvere lungo il percorso. A volte, i puzzle spingono semplicemente un oggetto per ottenere una maggiore altezza. Altri puzzle richiedono l’utilizzo di meccanismi. Insomma, i classici paradigmi di ogni Limbo-like che si rispetti.

Stela segue una giovane donna con lo stesso nome, che sta attraversando un mondo sull’orlo della sua fine. Si sveglia in una zona simile a una caverna e si fa strada verso un mondo che sembra essere stato risucchiato dalla vita. Sembra che solo i mostri che si occupano di sopravvivere e uccidere vagano nelle ambientazioni desolate del gioco. Stela dovrà stare attenta mentre si fa strada attraverso questo mondo, altrimenti per lei sarà la fine prematura.

Stela è leggera nella narrazione, ma questo (principalmente) funziona a favore del gioco perché i fondali minimalisti sono interessanti da guardare. Il personaggio viene lasciato cadere in un luogo buio e poi si fa strada verso la superficie. Questa qualità cinematografica continua per tutto il gioco in termini di pericolo inaspettato e inquietante. Uno degli aspetti più eccitanti è la corsa disperata per la tua vita, sia che si tratti di uno sciame di creature simili a insetti o di qualcosa di molto più grande. Il gioco sa sorprendere i giocatori continuamente, costringendoli ad adattarsi costantemente ad una nuova situazione.

Questo è un gioco molto coinvolgente che sa come raccontare una storia vivace e ben ritmata. Nella sua durata non superiore alle 5 ore complessive, non c’è quasi nessun momento riempitivo nel corso dell’avventura, ed abbiamo ovviamente apprezzato moltissimo questa attenzione degli sviluppatori a ciascun momento offerto dal gioco. Un’altro aspetto piacevole di Stela è legato alla narrazione, che seppure semplice riesce ad offrire diversi colpi di scena tra una una sezione e la successiva, così come la bellezza di panorami mozzafiato con i quali dare sfogo alla propria immaginazione. Ciò che ho maggiormente preferito di questo titolo è sicuramente il modo in cui si costruisce il mondo di gioco man mano che proseguiamo nella narrazione. Senza dire una sola parola, questo gioco trasmette perfettamente il suo messaggio e la sua storia. Gli sfondi sono pieni di dettagli importanti che non solo arricchiscono il mondo in generale, ma definiscono anche quale sia il nostro posto al suo interno, e la versione Nintendo Switch non ha assolutamente nulla da invidiare alle altre disponibili sotto questo aspetto.

Per quanto riguarda il platform, Stela non spicca sicuramente per originalità, ma è abbastanza funzionale alla trama criptica. Sorvolando sulla meccanica del salto che funziona praticamente in ogni circostanza, una cosa da segnalare è che un paio di volte può essere facile trascurare dove arrampicarsi o cosa afferrare a causa di come viene presentato il gioco. Nel complesso, però, le fasi platform sono ottime. I puzzle non sono nulla di troppo frustrante, anche se comunque non offrono praticamente alcun livello di sfida, rendendo il gioco un’esperienza vivace per coloro che preferiscono non passare troppo tempo a risolvere i puzzle.

Stela ha anche delle sezioni di gioco pensate per chi ama le ambientazioni cupe e tendenti al thriller, offrendoci momenti con ritmi serrati nei quali sarà necessario scappare dai nemici. Qui, Stela diventa un titolo stealths, in cui i giocatori devono superare questi esseri senza essere visti. Il gioco combina perfettamente la fuga furtiva e frenetica in un’unica esperienza. Peccato solo per l’IA nemica, che non sempre spicca appunto per intelligenza.

Parte del motivo per cui tutto funziona così bene è merito anche dell’ottimo comparto estetico di Stela. Il modo in cui tutto sembra ormai in decadenza, dando l’aria di essere più che vissuto, aiuta ad enfatizzare il realismo di questo mondo distopico. Anche l’utilizzo dei colori e dell’illuminazione è stato equilibrato in maniera piuttosto saggia e convincente, elevando il titolo tra i numerosissimi progetti che appartengono al suo stesso genere.

Mi sono anche piaciuti molto i puzzle, seppure come già affermato spesso risultano addirittura fin troppo semplici. Ci sono sicuramente alcuni rompicapo più complessi di altri, ma generalmente la curva di difficoltà si è dimostrata generosa senza mai deviare su picchi di inutile difficoltà. Generalmente tutto sembrerà ovvio una volta che vi sarete bene osservati attorno. Stela dunque non è perfetto; i puzzle sono abbastanza decenti, ma possono mancare di soddisfazione per coloro che vogliono sentirsi ricompensati.

Infine, la presentazione cinematografica di Stela viene mostrata, o meglio ascoltata, nella sua colonna sonora. I clacson squillanti che i musicisti ascoltano all’inizio e altre parti della musica hanno un fascino drammatico. È un peccato che in questo momento, non ci sia modo di ascoltare la musica al di fuori del gioco.

Stela, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che graficamente piacevole, con una gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e rilassante, nonostante poco incisivo sull’avanzamento dell’avventura. Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula leggera ma assolutamente appagabile si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli dove la narrazione, con tinte fortemente emotive, riveste un ruolo chiave per l’esperienza vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo narrativo che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Stela è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay minimale ma allo stesso tempo funzionale ad una trama per nulla banale (e anzi che ci farà riflettere in più di un’occasione) ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di breve durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il…
Stela è una piattaforma cinematografica e atmosferica che racconta di una giovane donna che assiste agli ultimi giorni di un misterioso mondo antico.

Stela

VOTO FINALE - 7.3

7.3

Stela è una piattaforma cinematografica e atmosferica che racconta di una giovane donna che assiste agli ultimi giorni di un misterioso mondo antico.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi