[Recensione] Super Hydorah (Switch eShop)

Lo Shoot-E-Up Super Hydorah è l’ultimo ritorno al passato retrò da sviluppatore Locomalito. Una versione aggiornata e ampliata del suo gioco Originally to free nel 2010 intitolato semplicemente Hydorah. È una premessa semplice ma duratura; un impero del male sta invadendo la galassia e tocca a te fermarlo affrontando le sue orde di malvagi attraverso ventuno tappe. Non lasciarti ingannare dalla semplicità del suo concetto, Hydorah è un lavoro amorevolmente e accuratamente elaborato, pieno di rimandi nella lettera d’amore per eccellenza del genere.

Dopo la prima missione introduttiva, il gioco ti spinge in una sfida senza pietà. Ci sono nemici e proiettili costanti che ti arrivano in ogni direzione e senza uno scudo è la morte in un colpo solo. E tu morirai. Soprattutto se non suoni molto di questo genere. O come me, anche meno di questo. Ci sono varie diverse armi e abilità attraverso il gioco, che si ottengono completando ogni livello. È qui che il gioco ricompensa la progressione dei giocatori, ma incoraggia anche a tornare alle missioni precedenti con l’opportunità di avere un carico completamente diverso. Queste armi possono essere successivamente livellate raccogliendo pickup colorati in-game che li renderanno più potenti – se hai familiarità con Gradius, questa è una seconda natura per te ormai. Il ciclo di potenziamenti che consente uno strato di strategia nella scelta del momento in cui raccogliere il powerup. Questo, e raggiungere uno scudo è assolutamente essenziale da fare il prima possibile. Più le armi sono aggiornate, più la sfida diventerà appetibile. In caso di insuccesso di un livello, le armi diminuiranno al loro livello originale, che quando sei nel pieno potrebbe essere molto difficile. Per la maggior parte la sfida non è frustrante oa discapito del gioco, ma a volte mi sembrava di non avere gli aggiornamenti per stare al passo con la pura abilità di sparare dietro di te, cosa che a volte mi lasciava particolarmente vulnerabile.

Alcune armi sono più utili di altre, in particolare per cose diverse. All’inizio del gioco ho trovato un problema minore con i missili secondari che si attivano automaticamente quando si tenta di colpire un nemico che sorvola un insediamento amichevole. Distruggere l’insediamento ha portato a una penalità di punti piuttosto brutta che non ho potuto evitare, cosa che ho trovato frustrante. Tuttavia, compromettere la vita dell’innocente mi ha fatto adattarmi alla situazione data e ha sovvertito l’idea che distruggere tutto in vista senza meta è la chiave. Ho dovuto mettere a punto la mia posizione in relazione al nemico e agli insediamenti.

Il gioco ha un elemento di non-linearità. Ci sono ventuno stadi complessivi, ma il giocatore può ritagliarsi ipoteticamente un percorso verso il livello finale in un minimo di dodici. Il vero finale viene salvato per coloro che finiscono ogni singolo livello, su uno continua nientemeno. E, naturalmente, i livelli opzionali sono di gran lunga i più difficili. I livelli stessi possono durare complessivamente un paio di minuti con solo un paio di fasi divise in sei sezioni individuali che possono portare ad alcune delle più frustranti ripartenze del gioco da superare. Ad ogni modo, questa è per la maggior parte una grande raccolta e riproduzione di roba, indipendentemente da quale console si sta giocando.

Non lasciatevi ingannare dalle immagini relativamente scure del primo livello, c’è una variegata selezione di livelli con colori vivaci pixellati e design semplicistici ma coinvolgenti e in continua evoluzione. Siamo continuamente introdotti a nuovi nemici e boss che sono tanto diversi quanto i loro ambienti. Il gioco vanta colori autentici e risoluzione alla sua era, vantando anche un filtro CRT per un ulteriore livello di nostalgia. Dove la presentazione brilla veramente è la musica. Ci sono oltre cinquanta tracce individuali di musica che sono tutti sintetizzatori arcade sintetizzati e campioni di onde retrò che garantiscono una seconda riproduzione di ogni palco solo per ascoltare la musica.

Se stai davvero lottando per salvare la galassia, il gioco consente anche di giocare in modalità cooperativa a due giocatori. Inoltre, c’è una modalità di inseguimento robot che consente ai giocatori di posizionarsi autonomamente e attivare un laser tra di loro per distruggere i bersagli. Un piccolo gioco bonus che può aggiungere una bella spatola alla sfida principale. Il multiplayer è il gioco cooperativo locale, ma l’aggiunta di classifiche e trofei online rende ancora più rigiocabile.

Super Hydorah è divertente. Ricco di fantastici backback anni ottanta nel suo gameplay, stile visivo e musica. Non si basa mai solo sulla nostalgia e ritaglia la propria identità e sfida. Anche se un’entrata più piccola del prezzo probabilmente esporrà questo gioco a più persone, vale ogni centesimo.

Lo Shoot-E-Up Super Hydorah è l'ultimo ritorno al passato retrò da sviluppatore Locomalito. Una versione aggiornata e ampliata del suo gioco Originally to free nel 2010 intitolato semplicemente Hydorah. È una premessa semplice ma duratura; un impero del male sta invadendo la galassia e tocca a te fermarlo affrontando le sue orde di malvagi attraverso ventuno tappe. Non lasciarti ingannare dalla semplicità del suo concetto, Hydorah è un lavoro amorevolmente e accuratamente elaborato, pieno di rimandi nella lettera d'amore per eccellenza del genere. Dopo la prima missione introduttiva, il gioco ti spinge in una sfida senza pietà. Ci sono nemici e…
VOTO FINALE - 8.1

8.1

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi