[Recensione] The Plane Effect

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo indipendente che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. The Plane Effect è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. The Plane Effect è sicuramente un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità fin dal suo primo annuncio, e dopo aver aspettato pazientemente per qualche mese è finalmente arrivato il momento di provarlo in versione Nintendo Switch, evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di The Plane Effect, titolo di Innovina/StudioKiku (sviluppatore) e PQube Limited (publisher) che cerca di portare un pò di novità all’interno di un genere ormai più volte riproposto.

The Plane Effect si  apre su un impiegato chiamato giustamente Solo che batte la sua tastiera tutto solo in ufficio. Dopo essersi congedato per l’ultima volta, Solo prende il cappotto e la valigetta e si dirige verso la porta, pronto per il lungo tragitto verso casa. Sfortunatamente per Solo, sembra che il suo tragitto giornaliero sia molto più lungo di quanto ricordasse… e persino senza fine. E devolvendo continuamente in un paesaggio surreale e irriconoscibile, a volte strano e a volte spaventoso. Riuscirà Solo a mantenere il suo senso di sé mentre cerca di trovare la strada di casa?

Il gameplay di The Plane Effect si basa principalmente sull’esplorazione dell’ambiente circostante e sulla risoluzione di enigmi, con un sacco di puzzle da risolvere per il giocatore che si basano sull’interazione con oggetti e l’ambiente. Alcuni di questi enigmi possono essere abbastanza semplici da capire e richiedono solo un po’ di logica, ma altri sono un po’ più ottusi; dannoso così in effetti, con il processo di capire con cosa è necessario interagire e quando è necessario farlo diventa noioso in fretta. Potrebbe sembrare quasi un’avventura punta e clicca a volte in cui non puoi interagire con oggetti specifici finché non ne hai effettivamente bisogno, ma il fatto che non ci sia nulla in alcuni di questi oggetti per farli sentire memorabili significa che i giocatori potrebbero spesso si ritrovano a girovagare e a interagire con tutto da capo nella speranza che li veda progredire.

Ogni area ha una selezione di puzzle visualizzati isometricamente e tu cammini, corri e salti intorno a loro. Capire con cosa puoi interagire è metà del lavoro in The Plane Effect, ma l’altro è capire in quale ordine devi interagire con loro. Questo perché, come un’avventura punta e clicca tradizionale, non puoi raccogliere l’olio può finché Solo non ha visitato gli ingranaggi di cui ha bisogno per lubrificare prima. Questo potrebbe scoraggiare alcune persone, ma poiché gli enigmi cambiano costantemente nel corso del gioco visivamente, non ne ero stanco. In effetti, alcuni di loro sono piuttosto stravaganti e divertenti come usare un coniglio bianco in una ruota per inseguire una carota olografica in modo da aprire una porta. Ogni tanto finirai di nuovo nel tuo ufficio, ma ogni volta è stato manipolato dal tempo o dalla fisica.Ho scoperto che questi mini puzzle sono una gioia da scoprire poiché trovare l’aeroplanino di carta dei tuoi figli ti riporta di nuovo alla realtà e ti radica. È un bel tocco stilistico e dal punto di vista del puzzle.

Se sei preoccupato per i puzzle, non temere. The Plane Effect ha un grande processo di selezione della difficoltà che puoi attivare al volo e che apre il gioco a tutti. Puoi avere la modalità più difficile che cancella qualsiasi interfaccia utente dal gioco, la modalità normale che evidenzia le cose con cui puoi interagire e la modalità guidata. Ciò ti consente di premere un pulsante per visualizzare una linea che ti indirizza alla cosa successiva che devi raccogliere o premere per continuare. Ciò significa ancora che devi completare gli elementi platform, ma ce ne sono meno nel gioco e consente al giocatore più occasionale di godersi la storia e il mondo.

Le sezioni platform sono il più grande limite di The Plane Effect. Troppo spesso non capivo dove mi trovavo in relazione a una piattaforma ea volte anche solo camminare su sentieri stretti per girare gli angoli significava cadere per disallineamento. Questo complica le cose anche negli eventi della piattaforma a tempo e ha reso alcune sezioni del gioco piuttosto frustranti. Se questo potesse essere rafforzato dopo il rilascio, migliorerebbe immensamente il gioco. Mentre i puzzle erano un po’ casuali e astratti, spesso hai solo poche varianti per capire cosa fare dopo in modo da poterlo provare e sbagliare come ultima risorsa.

La grafica minimalista e geometrica con una tavolozza limitata enfatizza le parti chiave dei puzzle, attirando gli occhi dei giocatori sulle soluzioni abbastanza facilmente. Ambientato su un piano isometrico, The Plane Effectè estremamente cinematografico, preferendo mostrare ai giocatori inquadrature specifiche piuttosto che lasciarli vagare liberamente per le singole scene. Insieme alla musica d’atmosfera da abbinare, The Plane Effect  è un’avventura rompicapo oscura e lunatica che ti farà mettere in discussione la realtà.

Il tutto è completato dal fatto che funziona senza problemi su Nintendo Switch, senza veri inconvenienti tecnici riscontrati quando si gioca sia in modalità portatile che in modalità docked. Certo, potrebbe essere un po’ imbarazzante distinguere alcuni degli oggetti più piccoli del mondo quando gioco a mano libera e ci sono state un paio di occasioni in cui i controlli mi hanno dato un po’ di fastidio, ma generalmente è un’esperienza coerente che funziona bene sulla console ibrida di Nintendo.

The Plane Effect, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con un gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante, nonostante per natura non sia adatto a tutte le tipologie di giocatori (quelli poco avvezzi al genere per esempio). Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula assolutamente appagante si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli dove l’avanzamento richiede impegno e dedizione vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo indipendente che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. The Plane Effect è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. The Plane Effect è sicuramente un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità fin dal suo primo annuncio, e dopo aver aspettato pazientemente per qualche mese…
Un'avventura distopica isometrica, che segue un impiegato solitario mentre cerca di tornare a casa di fronte superando grandi ostacoli. Affronta un viaggio straordinario che prende vita con magnifici effetti visivi realizzati da abili professionisti.

The Plane Effect

VOTO FINALE - 7.6

7.6

Un'avventura distopica isometrica, che segue un impiegato solitario mentre cerca di tornare a casa di fronte superando grandi ostacoli. Affronta un viaggio straordinario che prende vita con magnifici effetti visivi realizzati da abili professionisti.