[Recensione] When The Past Was Around

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo punta e clicca che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. When The Past Was Around è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. When The Past Was Around è infatti un titolo che già ha potuto dare prova della sua validità, e dopo essere approdato su Steam con qualche mese di anticipo ha ben pensato di fare una capatina anche sull’ibrida Nintendo, evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di When The Past Was Around, titolo di Mojiken (sviluppatore) e Chorus Worldwide Games (publisher) che cerca di portare un pò di novità all’interno di un genere ormai più volte riproposto.

When The Past Was Around ruota attorno a Eda, una ragazza con poco più di vent’anni. Si è persa e non sa cosa fare della sua vita, finché non incontra “The Owl”. Questo gioco parla di una storia d’amore agrodolce tra Eda e il suo amante, anche se il giocatore non sa molto di lui all’inizio del gioco. Tuttavia, When The Past Was Around si svolge in un mondo surreale dove niente è come sembra. Con ogni indizio raccolto e la risoluzione di enigmi, si apre un’altra porta che rivelerà i segreti tra lei e il suo amante, passo dopo passo.

When The Past Was Around è davvero un gioco emozionante. Durante la mia prova, il gioco mi ha tenuto concentrato sulla storia di Eda e non vedevo l’ora di conoscere ogni minimo dettaglio della sua avventura. Quando una sezione del gioco è completata, appare una piuma che rivelerà di più sull’aspetto del suo amante, poiché all’inizio è solo un’enorme ombra. Tuttavia, lentamente il giocatore impara a conoscere di più su di lui e sulla loro storia, che ruota attorno alla musica. Fortunatamente, il tema musicale si adatta perfettamente al gioco grazie all’atmosfera accogliente.

Per un’avventura che promette una narrativa forte, potresti rimanere scioccato nel sapere che in When The Past Was Around non ci sono parole dette o pronunciate in forma di testo. In quanto tale, dovrai ricostruirlo solo attraverso le immagini, ma funziona assolutamente nel trasmettere la storia, con un po ‘di spazio per le tue interpretazioni.

Il gameplay stesso è abbastanza semplice. Il giocatore raccoglie un oggetto e può usarlo per avanzare, ad esempio usando una chiave su una porta chiusa. In questo senso, When The Past Was Around funziona esattamente come un punta e clicca. Qualcosa di utile è che c’è un pulsante di suggerimento nell’angolo dello schermo che mostra al giocatore con cosa può interagire. A volte era difficile individuare ogni oggetto che potevo usare e, sfortunatamente, quando manca un oggetto, il giocatore rimane bloccato finché non riesce a trovarlo. A volte, l’ho trovato abbastanza fastidioso perché ancora non sapevo cosa fare anche con l’aiuto della funzione di suggerimento.

Fortunatamente, When The Past Was Around porta una selezione di enigmi più difficili che implicano la necessità di prestare molta attenzione a qualsiasi indizio che potrebbe essere in giro. Fondamentalmente, se un puzzle non ha senso, è perché non hai dato una buona occhiata all’intera area. Gli aspiranti detective saranno affascinati dagli enigmi progettati in modo intelligente qui ed è una bella sensazione quando capisci questi particolari. Tutti i diversi puzzle si combinano per garantire che l’avventura non diventi mai stantia e dopo aver risolto tutto all’interno di un’area, andrai finalmente avanti.

La grafica è bellissima in When The Past Was Around e non ho potuto fare a meno di ammirare ogni sezione del gioco. Ho scoperto che ogni stanza, o luogo, emanava un’atmosfera diversa, quindi Eda si ritrova nella sua stanza accogliente, ma a volte visita anche un funerale che è tutt’altro che accogliente. Ho anche apprezzato il fatto che il gioco sia molto dettagliato e implementa una serie di piccoli oggetti con lo scopo di rendere la stanza più vivace, cosa che ha perfettamente soddisfatto le nostre aspettative. Tuttavia, a volte era difficile individuare con quale oggetto potevo interagire e quale era lì solo per scopi decorativi, ma fortunatamente, il pulsante di suggerimento è stato molto utile a tale riguardo.

Anche la musica corrispondeva a quella sensazione con una piacevole musica di violino che si diffondeva attraverso i miei altoparlanti e riempiva la stanza. A un certo punto non riuscivo a smettere di pensare a quanto mi sentissi caldo, sia fisicamente che emotivamente, a causa di quanto ero diventato tranquillo e sicuro giocando a un gioco così adorabile sotto molte coperte.

When The Past Was Around, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con un gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante, nonostante per natura non sia adatto a tutte le tipologie di giocatori (quelli poco avvezzi al genere per esempio). Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula assolutamente appagante si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli dove l’avanzamento richiede impegno e dedizione vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Proprio in questi giorni il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo punta e clicca che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. When The Past Was Around è un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Certo palare di “nuovo” forse in questo caso specifico non è proprio il termine adatto. When The Past Was Around è infatti un…
When the Past was Around è un puzzle-adventure punta&clicca sull'amore, l'accettazione, il superamento e la gioia e il dolore che si prova durante i diversi stadi di una relazione.

When The Past Was Around

VOTO FINALE - 8.5

8.5

When the Past was Around è un puzzle-adventure punta&clicca sull'amore, l'accettazione, il superamento e la gioia e il dolore che si prova durante i diversi stadi di una relazione.