[Recensione] Wonder Boy Collection

La serie Wonder Boy ha ricevuto una notevole attenzione nel corso degli ultimi anni, con più remaster dei vecchi giochi e persino un nuovissimo sequel spirituale sotto forma di Monster Boy . Tuttavia, dovevamo ancora vedere una raccolta decente dei vecchi titoli classici. Anche la raccolta Mega Drive rilasciata alcuni anni fa ha tragicamente omesso i due giochi Wonder Boy che erano presenti in altre versioni della raccolta. Con la Wonder Boy Collection, rilasciata qualche settimana fa ed oggetto di questa nostra nuova analisi, abbiamo quattro classici retrò (due porting arcade e due porting Mega Drive) riportati con alcuni miglioramenti nel gameplay capaci di svecchiarli il giusto. Non è la collezione retrò più completa, ma i giochi in primo piano sono assolutamente fantastici, rendendolo un acquisto imperdibile per i fan del retrò o per chiunque abbia apprezzato uno qualsiasi degli altri titoli rilasciati nel corso del tempo.

Per cominciare, facciamo una breve rassegna di ciascuno dei titoli offerti. Per cominciare abbiamo il porting arcade originale di Wonder Boy in tutta la sua gloria. Questo è il titolo della versione arcade, in cui hai il compito di salvare la tua ragazza Tanaya dal malvagio Dancon. Il gioco si svolge come un platform a scorrimento laterale con l’obiettivo di raggiungere la fine del livello, evitando nemici e pericoli pur mantenendo la barra della resistenza mangiando vari tipi di frutta e verdura sparsi per il livello. Ma mentre avanzi a destra non puoi girarti e tornare indietro. Devi correre e saltare attraverso alcuni livelli di piattaforma piuttosto impegnativi.

Di tanto in tanto puoi raccogliere lo strano potenziamento nascosto in un uovo come il martello, per colpire i nemici o lo skateboard, che sembra fantastico ma spesso ti condurrà al tuo destino poiché una volta ottenuto questo, ora scorri costantemente fino a destra. Le fate ti garantiranno un’invincibilità temporanea e ti permetteranno di sfondare qualsiasi nemico e pericolo abbastanza sciocco da intralciarti. Fai attenzione a un uovo cattivo perché ti garantirà un triste mietitore che prosciugherà temporaneamente la tua resistenza. È un gioco arcade piuttosto stereotipato e probabilmente il mio meno preferito della collezione, ma sicuramente solletica i miei ricordi di averlo giocato su Game Gear in gioventù.

Wonder Boy in Monster Land è invece il porting arcade della seconda voce della serie. Questo titolo sarebbe diventato la base del gameplay in stile RPG d’azione 2D per cui la serie sarebbe diventata più famosa. Prova a immaginare questo design, un gioco di ruolo in un gioco arcade. In questo sequel il nostro eroe affronta la terra dei mostri per liberare il mondo da un drago malvagio. Le monete sono un oggetto da collezione essenziale che si trova sconfiggendo mostri e saltando in luoghi segreti. Se muovi la levetta arcade mentre salti in questi punti segreti guadagnerai un valore più alto di monete. Le monete vengono quindi utilizzate per potenziare armi, armature, scarpe e scudi. Puoi anche portare incantesimi magici e puoi anche fermarti al bar per comprare una bevanda e avere qualche consiglio sul gioco o scoprire alcuni segreti.

Questo gioco è brutalmente difficile. Caratterizzato da duri combattimenti contro i boss e persino un timer spietato che prosciugherà un punto cuore più a lungo indugi in un livello, rendendo difficile rimanere e macinare. Se sei nuovo nella serie e salti in questa, potrei vedere molti giocatori saltare fuori per la frustrazione. Ma se ti attieni ad esso, in realtà diventa un’esperienza piuttosto gratificante attraverso la prova del fuoco vecchio stile e la scoperta di nuovi segreti mentre procedi.

Il successivo gioco è il porting Mega Drive di Wonder Boy in Monster World e oserei dire anche il mio preferito della serie. Per me, ci sono così tanti momenti memorabili in questo titolo che regge ancora molto bene. Di questa collezione, questa sembra l’avventura più memorabile. Ora giocando nei panni dell’eroe Shion potresti essere in grado di indovinare ormai che stai cercando di salvare di nuovo il mondo da quei mostri cattivi. Essendo un gioco per console, questo titolo rimuove tutti gli stress del precedente titolo arcade, permettendoti di esplorare il mondo e macinare monete al tuo ritmo.

Questa volta esplorerai un’ampia varietà di aree come deserti, giungle e regni sottomarini, tutte disseminate di nemici unici da combattere. Quando fai irruzione in un nuovo dungeon, spesso puoi portare con te un piccolo compagno unico, come un simpatico drago che sputa fuoco o un ragazzino gnomo che scava a caso monete per te. Invece di usare solo spada e scudo, ora puoi impugnare lance ed eseguire una fantastica mossa di rotazione per bloccare proiettili e nemici persistenti. Poi ovviamente c’è la splendida pixel art e la colonna sonora memorabile che ti accompagneranno molto tempo dopo la conclusione del gioco. Dopo averlo giocato di nuovo, sono ancora sbalordito da quanto bene regge questo titolo oggi.

Infine, abbiamo Monster World IV che è stato rilasciato solo su Mega Drive. Ora interpretando Asha the Wonder Girl è tornato a Monster World per salvare ancora una volta la situazione in un’ultima avventura. Questo gioco segue per lo più un modello simile al precedente, ma non ha mai risuonato con me così tanto. Il gioco segue una struttura più lineare in cui ti teletrasporti semplicemente nell’area successiva dall’area principale del palazzo piuttosto che far esplorare tutto il mondo dei mostri.

C’è ancora molto da apprezzare qui però. La grafica è stupenda, la migliore che sia mai stata per la serie in termini di pixel art. Il tuo compagno blu Pepelogoo è adorabile e cresce e si evolve man mano che il gioco procede fornendo abilità aggiuntive da usare nei dungeon come il doppio salto e il volo a vela. Per me, mancano solo alcuni tocchi memorabili. Ad esempio, questa volta usi solo spada e scudo senza armi aggiuntive. Nonostante i miei inconvenienti, questa è un’avventura che vale la pena giocare e senza di essa non sarebbe una Wonder Boy Collection.

Come collezione, hai le caratteristiche familiari che tendi a vedere in queste collezioni retrò. Solida emulazione su tutta la linea per tutti e quattro i giochi. Hai i tuoi stati di salvataggio e la pratica funzione di riavvolgimento in modo da poter correggere quei piccoli errori che fai durante il gioco. Hai i soliti filtri dello schermo da modificare e la possibilità di regolare alcune funzionalità di gioco minori, alcune delle quali sono menzionate sopra. Nel menu principale viene fornita una breve descrizione per ogni gioco. Puoi anche accedere a una piccola galleria di opere d’arte della serie. Sembra piuttosto scarno, sembra un’occasione persa per non avere una sorta di lettore musicale per ascoltare le varie colonne sonore della serie.

L’inconveniente principale di questa collezione è che non è una collezione retrò completa della serie. Mancano due titoli straordinari Wonder Boy the Dragon’s Trap e Monster Lair 3 . Se vuoi giocare a questi titoli, oltre a giocare a più versioni degli altri giochi, devi preordinare la copia fisica da Strictly Limited. Ancora una volta, c’è questa situazione davvero strana in cui il contenuto del gioco è escluso dall’acquisto digitale ed è un vero peccato qui.

Wonder Boy Collection, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con un gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante, nonostante per natura non sia adatto a tutte le tipologie di giocatori (quelli poco avvezzi al genere per esempio). Per quanto riguarda PlayStation 4 non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula assolutamente appagante si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia del gioiellino firmato Sony. Se amate i titoli dove l’avanzamento richiede impegno e dedizione vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

La serie Wonder Boy ha ricevuto una notevole attenzione nel corso degli ultimi anni, con più remaster dei vecchi giochi e persino un nuovissimo sequel spirituale sotto forma di Monster Boy . Tuttavia, dovevamo ancora vedere una raccolta decente dei vecchi titoli classici. Anche la raccolta Mega Drive rilasciata alcuni anni fa ha tragicamente omesso i due giochi Wonder Boy che erano presenti in altre versioni della raccolta. Con la Wonder Boy Collection, rilasciata qualche settimana fa ed oggetto di questa nostra nuova analisi, abbiamo quattro classici retrò (due porting arcade e due porting Mega Drive) riportati con alcuni miglioramenti nel gameplay…
Una collezione attentamente curata delle uscite fondamentali di Wonder Boy, con quattro capolavori SEGA dell’epoca d’oro dei giochi a piattaforme. Con il loro mix di classico gioco a piattaforme e GDR d’azione, questo quartetto di apprezzatissimi giochi porta qualcosa ad ognuno.

Wonder Boy Collection

VOTO FINALE - 7.8

7.8

Una collezione attentamente curata delle uscite fondamentali di Wonder Boy, con quattro capolavori SEGA dell’epoca d’oro dei giochi a piattaforme. Con il loro mix di classico gioco a piattaforme e GDR d’azione, questo quartetto di apprezzatissimi giochi porta qualcosa ad ognuno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi