[Recensione] Wulverblade – PlayStation 4

C’è qualcosa di innegabilmente terapeutico nel prendere il mantello dei personaggi 2D con atteggiamenti sbagliati e pulsanti puri fino a quando tutto sullo schermo non è morto. Classici come Streets of Rage e Golden Axe hanno offerto alcuni degli esempi più iconici di questo, ma il sottogenere ha fatto un leggero ritorno in ritardo con Mother Russia Bleeds fornendo un colpo nostalgico direttamente nelle vene di molti. Wulverblade, con le sue splendide illustrazioni disegnate a mano e il mondo ispirato alla tradizione, cerca di ottenere lo stesso successo, ma quasi non ci riesce.

Avendo luogo durante l’epoca romana e l’ardua conquista britannica dell’impero, tu interpreti uno dei tre guerrieri scozzesi che cercano di proteggere la loro casa dalle legioni in arrivo. Gioca un po ‘veloce e sciolto con la realtà nei punti, ma visto che la storia può essere mutilata e re-interpretata in favole nel tempo e che questo è essenzialmente un racconto fantastico, non c’è bisogno di coinvolgere Terry Deary.

Dei tre guerrieri, sono gli archetipi che ti aspetteresti da scontri a scorrimento laterale. Hai il tuttofare, la grande montagna di carne a bassa velocità e il personaggio agile che non è poi così resistente. Ho principalmente interpretato Caradoc, il tuttofare e guardiano delle tribù settentrionali, con un debole per tagliare le appendici romane e farle cazzare. Se Horrible Histories avesse una versione estrema, potrebbe essere solo Wulverblade – le membra possono essere tagliate e le teste voleranno, che puoi usare per lanciare contro i tuoi nemici. È metal come cazzo.

È un peccato, quindi, che il combattimento non si senta sempre più potente come dovrebbe. Anche se è vero che puoi spazzare via fasce di nemici, Wulverblade è spesso troppo schizzinoso per il suo stesso bene.

Il combattimento è relativamente semplice, anche se la configurazione del controllo avrebbe potuto essere un po ‘più lungimirante. Gli attacchi di base sono quadrati, ma è anche usato per raccogliere oggetti, che in modo piuttosto irritante ti trasforma in Darryl Hannah in Kill Bill Vol. 2, frugando ciecamente intorno. Quando sei disperato ad attaccare qualcuno ma ti ritrovi a raccogliere pezzi casuali di detriti da buttare a terra invece, è davvero esasperante.

Al di fuori del taglio standard, ci sono armi secondarie e temporanee che possono essere usate con il triangolo, permettendoti di costruire bellissime serie di colpi. Con due armi al seguito, Wulverblade diventa davvero vivo e si instaura un ritmo soddisfacente, facendoti sentire un eroe celtico della tradizione che spreca gli invasori. È deludente che questi momenti siano fugaci, ma è comprensibile – diventi una forza della natura con due armi nelle tue mani, quindi ha senso bilanciare la loro natura quasi sopraffatta in modo che la minaccia dei Romani rimanga tale.

Le mosse speciali mettono in risalto le cose, permettendo a Caradoc di invitare i lupi a depredare i nemici e anche a diventare un po ‘mentali, il che in sostanza lo rende invincibile e più veloce nell’attaccare. L’implementazione di queste abilità extra porta un elemento tattico al gioco in quanto i lupi possono essere usati solo una volta per tappa e l’invincibilità può essere utilizzata solo quando il contatore si è riempito. Usi entrambi quando il gioco si fa duro contro una brigata di cattivi ragazzi, o li salvi per i capi orribilmente difficili?


Attraverso i suoi otto livelli, Wulverblade rimorchia le linee più desiderabili: bilanciare difficoltà e divertimento. Non mi sono mai sentito come se stessi viaggiando, come se con uno slittamento momentaneo potessi ritrovarmi a essere ridotto a brandelli dai tanti vari nemici che il gioco mi stava lanciando. Quando morivo, che era abbastanza spesso, mi capitava più spesso di non saltare indietro per provare una virata diversa o di non commettere errori stupidi. Nonostante le costanti mura di mattoni in cui mi stavo inciampando, non mi sono mai sentito come se nessuno di loro fosse insormontabile. Ci sono state volte, però, quando ho avuto voglia di gettare la spugna puramente attraverso un disegno sbagliato.

Muoversi su un aereo 2D non si sente mai completamente lucido in Wulverblade e probabilmente distruggerà la tua consapevolezza spaziale: se pensi che un nemico sia a due pollici a destra di te, in realtà sono leggermente più in basso del livello e a tre pollici di distanza. . Tipicamente, questo sarebbe scusabile, ma Wulverlade è colpevole di qualche ritardo di input trascurato, il che significa che il movimento, in particolare nel mezzo del combattimento, è molto meno agevole di quanto sia richiesto per un gioco del suo genere. Bloccare gli attacchi da dietro è come tirare i denti, il tuo personaggio non si registra e deve girarsi prima di avere un pugnale nel buco dell’orecchio.

Altrove, il checkpoint del gioco avrebbe potuto davvero essere fatto con alcuni controlli prima del rilascio. Ci sono lunghi periodi di combattimento su diversi “schermi” senza stati di salvataggio, quindi, a causa della natura ingannevole del gioco e di quanto velocemente le tue vite possono evaporare, è probabile che tu stia ripetendo spesso le stesse aree. Forse non è così Forse questi due difetti sono per scelta davvero utili a far salire la sfida, ma in questo caso promuovono un falso senso di difficoltà attraverso scelte progettuali sbagliate, il che può semplicemente trasformare i giocatori in frustrazione piuttosto che una più profonda risoluzione per superarla.

Detto questo, stringi i denti e fallo per la Gran Bretagna e troverai alcune piccole glorie in Wulverblade. È esteticamente mozzafiato grazie alle animazioni minuziosamente illustrate; mancano alcune celle, ma ciò non toglie nulla al quadro generale. L’audio è altrettanto impressionante, la sua colonna sonora appartenente a un’epica storica di Ridley Scott e suoni “organici” di guerra sanguinosa che ti spingono dritta all’azione.

Soprattutto, comunque, ciò che è più accattivante di Wulverblade è che è un chiaro lavoro d’amore. È difficile ignorare quanto gli sviluppatori si siano riversati nel gioco grazie alle note che descrivono in dettaglio le località che hanno visitato per catturare l’essenza dei tempi e la ricerca che è andata nel tentativo di rendere tutto coerente e credibile. Non è raro che gli sviluppatori facciano il possibile, ma anche che mettano tutto sul tavolo e che il giocatore si unisca a loro in una lezione di storia che in realtà godranno di qualcos’altro.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La lode è stata data anche per il contenuto sorprendentemente profondo del contenuto che Wulverblade ha da offrire. Al di fuori della campagna, c’è una modalità arcade che ha tutti i dettagli dell’attrazione principale senza le reti di sicurezza. Come i lottatori di un tempo, le vite e le continue sono finite, quindi è una fortuna che Wulverblade ti permetta di fare coppia con un amico sul tuo divano. Altrove, la modalità arena blocca le ondate su ondate di nemici contro di te se vuoi solo tagliare via le teste di alcuni traditori e gettarle ai loro compagni. Se sei un appassionato di storia, ci sono anche molte informazioni dettagliate e davvero affascinanti da approfondire insieme a qualche delizioso concept art.

Sebbene possa essere un bel po ‘di raffinatezza lontano dall’essere un acquisto essenziale, il fascino di Wulverblade è difficile da negare. Potrebbe infastidirti e farti desiderare ululare alla luna in derisione, ma qui c’è più che abbastanza per intrattenerti se riesci a superare la sua sciatteria.

C'è qualcosa di innegabilmente terapeutico nel prendere il mantello dei personaggi 2D con atteggiamenti sbagliati e pulsanti puri fino a quando tutto sullo schermo non è morto. Classici come Streets of Rage e Golden Axe hanno offerto alcuni degli esempi più iconici di questo, ma il sottogenere ha fatto un leggero ritorno in ritardo con Mother Russia Bleeds fornendo un colpo nostalgico direttamente nelle vene di molti. Wulverblade, con le sue splendide illustrazioni disegnate a mano e il mondo ispirato alla tradizione, cerca di ottenere lo stesso successo, ma quasi non ci riesce. Avendo luogo durante l'epoca romana e l'ardua…
VOTO FINALE - 7

7

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi