[Recensione] Wunderling

Di recente il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo platform “autorunner” che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Wunderling è infatti un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Wunderling, dopotutto, è un titolo che già dal suo primo annuncio ha saputo dare prova della sua validità, grazie al suo stile artistico assolutamente degno di nota ed alcune meccaniche che gli hanno permesso di prendere le distanze dai mille altri progetti analoghi, e l’arrivo sull’ibrida Nintendo è un evento che stavamo aspettando con un certo interesse. Non perdiamo altro tempo, dunque, e tuffiamoci a capofitto nel magico mondo di Wunderling, titolo di Retroid che vi consigliamo di non sottovalutare affatto.

Prima di addentrarci sul gameplay di Wunderling è bene fare un rapido accenno alla sua storia, che seppure molto semplice e basilare ci ha piacevolmente colpito.

Siamo nel Regno dei Vegetali, ed interpreteremo un abilissimo Carrot Man intento a superare con estrema disinvoltura una serie di sfide platform apparentemente semplicissime. Arrivati a fine percorso conosceremo la strega Kohlrabi che, imbestialita dalla semplicità con cui Carrot Man ha superato il primo livello, deciderà di donare una serie di abilità uniche ad un mostro generico presente a schermo. Questo mostro, il cui obiettivo diventerà quello di fermare il carotone, sarà esattamente il protagonista del nostro gioco, saremo noi a dover avanzare senza sosta tra un livello e l’altro di questo tanto piacevole quanto sfidante gioco platform.

Nonostante la storia sia molto basilare, questa risulta affascinante e funzionale al gioco stesso, regalando qualche sorriso al giocatore che finirà ben presto ad affezionarsi a questo simpaticissimo protagonista.

Nel cuore Wunderling è un comunissimo platform 2D, ma questo porta con sé una caratteristica unica che lo rende diverso da molti giochi di questa categoria. Il piccolo protagonista infatti camminerà automaticamente a destra fino a quando non colpisce un muro, quindi si girerà e fa la stessa cosa a sinistra. In Wunderling, controlleremo solo le mosse speciali acquisite di volta in volta, obbligando il giocatore non solo a prestare attenzione all’ambiente circostante ma ora più che mai ad ogni sua singola mossa.

Morire non sarà un’opzione poi così remota, e anche se non siamo ai livelli di giochi del calibro di Super Meat Boy o Celeste è bene avvisarvi che il viaggio di Wunderling non sarà mai una passeggiata. Controllare il protagonista è in realtà abbastanza semplice, quello che complicherà molto presto il tutto è il perfetto level design che riesce in ogni circostanza a rendere il nostro viaggio tutt’altro che banale. Questo introduce sia un meccanismo di trial and error sia una gestione della memoria muscolare che si attiverà non appena il giocatore inizierà a prendere confidenza con tutte le possibilità offerte dal gameplay e dal level design.

Il segreto di qualsiasi gioco puzzle è come si evolve per mantenere il tuo interesse, e con oltre un centinaio di livelli, Wunderling fa un buon lavoro aggiungendo nuovi elementi a un ritmo regolare. È impegnativo mentre il gioco avanza e i livelli sono progettati per essere superati attraverso molte prove ed errori. Riavviare un livello dopo la morte è quasi istantaneo, e le mappe sono abbastanza piccole che dover ricominciare da capo non è una grande frustrazione o hanno checkpoint ragionevoli.

Per la gioia dei completisti, ogni livello (ce ne sono oltre 100) presenta anche un oggetto segreto di qualche tipo da raccogliere. Normalmente fare di tutto per raccogliere questi materiali opzionali produce un profitto scarso o nullo in questi tipi di giochi, ma ognuno di essi qui presenta una sorta di bonus immediatamente accessibile. La maggior parte sono cosmetici, permettendo ai giocatori di dare al personaggio giocabile una personalità aggiuntiva, ma ci sono extra sbloccabili che diventano disponibili dal menu principale. Dal momento che ognuno presenta qualcosa di unico e speciale, vale la pena fare di tutto per raccoglierli. Tutti, ma soprattutto i completisti incalliti, troveranno in Hayfever un titolo tanto sfidante quanto gratificante.

La grafica di Wunderling è tutto fuorché complessa, anche a causa dei fondi limitati ai quali ha potuto fare affidamento lo sviluppatore indipendente, ma la scelta di ricadere in un mondo di gioco coloratissimo e ricco di elementi cartooneschi riesce a mettere una pezza su queste limitazioni e a divertire nonostante le sue limitazioni. Quello che era più importante fare è stato fatto, ossia uniformare tra loro l’ambiente e gli elementi in movimento, creando un risultato ben amalgamato e piacevole alla vista. Le musiche sono anch’esse piacevoli e portano alla mente i vecchi platform game del passato, anche se possono essere considerate tutto fuorché indimenticabili. Nel complesso sono comunque funzionali al gameplay e per questo non riteniamo corretto penalizzarle.

Wunderling, nel complesso, è stata un’esperienza davvero piacevole per me nonostante ci siano stati alcuni momenti di alti e bassi. L’ho trovato sia stimolante che gratificante piacevole, con una gameplay che mi ha interessato in quanto fluido e sfidante. Per quanto riguarda Nintendo Switch non solo segnaliamo che il titolo risulta piacevole al pari di tutte le altre piattaforme sulle quali il gioco è stato reso disponibile, ma siamo abbastanza sicuri di come la sua formula tosta ma assolutamente appagabile si sposi in maniera pressoché perfetta con la filosofia dell’ibrida Nintendo. Se amate i titoli platform hardcore dove l’umorismo  riveste un ruolo chiave per l’esperienza (specialmente per stemperarne i momenti più frustranti) vi consigliamo di farlo vostro quanto prima, anche senza aspettare alcuno sconto.

Di recente il Nintendo Switch eShop ha accolto un nuovo titolo platform "autorunner" che vi consigliamo di non sottovalutare assolutamente. Wunderling è infatti un progetto che sembra essere nato proprio per abbracciare la filosofia ibrida della console Nintendo, offrendo un gameplay avvincente e profondo ma allo stesso tempo rapido ed estremamente adatto ad essere fruito in sessioni di modesta durata, esattamente quel tipo di esperienza che sta facendo la fortuna di Nintendo Switch. Wunderling, dopotutto, è un titolo che già dal suo primo annuncio ha saputo dare prova della sua validità, grazie al suo stile artistico assolutamente degno di nota…
In Wunderling, non sei un eroe, ma un idiota di videogiochi di basso livello che ha appena sbloccato il potere di saltare. Insegui l'Eroe attraverso bellissimi livelli scorrevoli e mostragli chi è il vero BOSS!

Wunderling

VOTO FINALE - 7.5

7.5

In Wunderling, non sei un eroe, ma un idiota di videogiochi di basso livello che ha appena sbloccato il potere di saltare. Insegui l'Eroe attraverso bellissimi livelli scorrevoli e mostragli chi è il vero BOSS!

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi