[Recensione] Octodad Dadliest Catch – il mio papà è speciale (WiiU eShop)

OctodadDadliestCatch

Octodad è uno degli esempi più significativi che dimostrano come la sperimentazione spesso porta a realizzare titoli assurdi con del potenziale che, se ben sfruttato, è capace di rendere un prodotto unico nel suo genere. Credo che il gioco in questione non necessiti di troppe presentazioni visto che i ragazzi di Young Horses Studios hanno saputo sfruttare al meglio il potere degli youtuber per rendere virale la creatura di loro invenzione. Un Videogioco (con la V maiuscola) che finalmente ha come unico obiettivo quello di far divertire, e che finalmente è giunto anche nell’eShop di WiiU. Premettendo fin da subito che Octodad Dadliest Catch è in realtà il secondo episodio di quella che speriamo continui ad essere una serie di successo, andiamo ad analizzare i motivi del suo successo.

WiiU_screenshot_TV_01DC1

Se siete degli amanti dei gameplay ed avete già avuto modo di vedere da vicino cosa Octoded (non) sappia fare, credo che il primo pensiero che abbia attraversato la vostra mente sia stato qualcosa del tipo: “No beh questo gioco è divertente ma sono sicuro che non sarei mai in grado di giocarci”. Per coloro che si avvicinano ora alla serie vi spiego il perché di tale frase: Octodad è una “persona” un po’ particolare. Innanzitutto dire che è una persona è già un errore; Il protagonista altro non è che un polpo che cerca di passare per umano e che ha qualche problema nel governare i suoi tentacoli al di fuori dell’acqua. La particolarità di tutto sta nel fatto che basta mettersi giacca e cravatta perché la gente non si accorga di nulla, tanto da renderlo capace di sposarsi e mettere su prole (qui forse il termine adulterio renderebbe tutto più semplice da spiegare).

Il gameplay è interamente incentrato sul controllo dei tentacoli del “papà polpo”, operazione non semplice e che richiede un minimo di pratica. Grazie ai tasti dorsali saremo in grado di decidere quale delle due “gambe” muovere (ZL-ZR) e di interagire coi i molti oggetti presenti a schermo (R). Grazie alle levette analogiche saremo in grado di muovere il tentacolo destro (di default il sinistro non è comandabile ma dalle impostazioni è possibile prenderne il controllo, a nostro rischio e pericolo) lungo il piano verticale (stick destro) ed orizzontale (stick sinistro). Posso assicurarvi che, nonostante vi muoverete come dopo aver bevuto una bottiglia di vodka (alla) Russa, sarete capaci di padroneggiare l’esuberante polipozzo [cit. Axios] distruggendo letteralmente ogni stage ma raggiungendo sempre e comunque il vostro obiettivo.

WiiU_screenshot_TV_01DC1

Per coloro che si considerano dei perfetti domatori del proprio gamepad, gli sviluppatori hanno ben pensato di aggiungere pesce carne sul fuoco grazie ad una lista di achievement per niente semplici da ottenere. Per esempio, vi verrà chiesto di attraversare il corridoio che vi porta all’altare senza rovesciare i vasi presenti lungo il percorso oppure di concludere in maniera impeccabile alcuni minigiochi. Non solo, sparsi qua e là in ciascuno dei livelli, i ragazzi di Young Horse hanno sapientemente posizionato tre collezionabili sotto forma di cravatte indossabili; un tocco di classe al quale nessun polpo può sottrarsi.

La quantità di contenuti inseriti in Octodad Dadliest Catch è notevole. Una volta terminata l’avventura principale, potremo prendere parte a due livelli aggiuntivi che raccontano alcuni scorci di vita immaginari di Octodad. Tali livelli, denominati shorts, in realtà sono molto lunghi e si concentrano su due situazioni immaginarie, narrate dalla figlia della coppia più improbabile della storia dei videogame. Nel primo prenderemo parte ad una cena romantica con la nostra consorte e ci troveremo di fronte alla difficoltà naturale che deriva dal dover mangiare grazie ad un tentacolo incontrollabile, mentre nel secondo vestiremo i panni di un chirurgo di fama mondiale e cercheremo di eseguire un delicatissimo intervento senza far passare il nostro paziente a miglior vita.

WiiU_screenshot_TV_01DC1

Considerando che gli elementi di gioco con i quali è possibile interagire sono molti, non sarà raro trovarvi a giocare con oggetti a caso e chiedervi: “ma perché lo sto facendo?”. La risposta deriva dal fatto che nel nostro profondo, seppur giocatori esigenti ed interessati a titoli con trame profonde, tutti noi desideriamo un videogame che ci regali momenti di svago no-sense e che ci faccia divertire come dei bambini. Con questo non sto dicendo che il titolo non goda di una vera trama; le situazioni che ci verranno proposte fanno tutte parte di un quadro ben preciso che mostra come due coniugi improbabili possano affrontare la normale vita di coppia come se tutto fosse normale. Non solo, se volessimo interpretare il messaggio degli sviluppatori in chiave seria potremmo definire l’intero gioco come rappresentazione della sensazione di disagio che ogni persona prova quando cerca di nascondere al mondo intero una parte della sua personalità e che è, così, obbligata a vivere dietro una maschera ad affrontarne le conseguenze con estrema difficoltà!

WiiU_screenshot_GamePad_01DC1

Con la realizzazione di Octodad Dadliest catch, gli sviluppatori si sono divertiti ad ideare un prodotto fruibile da chiunque ma anche adatto a chi volesse cimentarsi in un controllo alternativo del personaggio principale. E’ per questo che è stata implementata una soluzione multiplayer collaborativa che permette letteralmente di spartirsi il polipozzo [cit. Axios] tra quattro giocatori. Sta ai partecipanti alla sfida decidere il livello di perversione nel suddividere in maniera anomala i tentacoli di Octodad, dando vita ad una versione alternativa del famosissimo gioco da tavolo Twist.

WiiU_screenshot_TV_01DC1p

A livello grafico il gioco non è certo miracoloso, ma è apprezzabile la quantità di effetti di luce e di un mondo tridimensionale limitato ma ricco di elementi. Alcuni livelli che fungono da hub per altri sono ben caratterizzati e riescono ad assecondare il desiderio di esplorazione dei giocatori più navigati. Quello che è sorprendente, invece, è il comparto sonoro. Ogni area riproduce egregiamente le sensazioni che la caratterizzano grazie a rumori e brusii che si inseriscono alla perfezione con la logica del gioco. Nota di merito la colonna sonora, realizzata ad hoc con tanto di coro, una ciliegina sulla torta che eleva il prodotto a videogame di qualità. Unica nota di demerito: mancano i sottotitoli in italiano, che però sono presenti nella versione STEAM, ovviamente ho chiesto spiegazione agli sviluppatori che mi hanno risposto che la traduzione italiana per STEAM era stata fatta dai fan e che quindi non era stata da loro verificata .

Tirando le somme, consiglio a chiunque di acquistare questa nuova iterazione di Octodad. Anche ai più scettici che, come successe con me, credono di non essere in grado di governare in maniera razionale i tentacoli del “papà polpo”. Il divertimento è assicurato da una serie di missioni stravaganti e da un sistema di controllo ben implementato. Interagite spesso con gli ambienti perché esiste un area segreta raggiungibile solo con la fantasia, ma di questo ve ne parlerà il nostro youtuber nella serie che sta realizzando apposta per noi 😉 Per quel che mi riguarda, è stato un vero piacere poterlo recensire.

Octodad è uno degli esempi più significativi che dimostrano come la sperimentazione spesso porta a realizzare titoli assurdi con del potenziale che, se ben sfruttato, è capace di rendere un prodotto unico nel suo genere. Credo che il gioco in questione non necessiti di troppe presentazioni visto che i ragazzi di Young Horses Studios hanno saputo sfruttare al meglio il potere degli youtuber per rendere virale la creatura di loro invenzione. Un Videogioco (con la V maiuscola) che finalmente ha come unico obiettivo quello di far divertire, e che finalmente è giunto anche nell’eShop di WiiU. Premettendo fin da subito…
VOTO FINALE - 8.5

8.5

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi